Pizzo e Cengia dei Croselli - Valle Antigorio


Publiziert von atal , 14. Oktober 2017 um 17:39.

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum:10 Oktober 2017
Wandern Schwierigkeit: T5 - anspruchsvolles Alpinwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 9:30
Aufstieg: 2100 m
Abstieg: 2100 m

Ritorno con Ferruccio in Valle Antigorio, una valle che continua a piacermi più delle altre, forse perché qui i contorni mi sembrano più netti e la natura meno compromessa che altrove.

Questa volta andiamo in cerca di un passaggio, non riportato sulle mappe, alla base della parete Ovest del Pizzo dei Croselli, utilizzato dagli alpigiani del passato come collegamento tra la Scatta dei Croselli e il Passo del Groppo.
L'informazione è stata trovata su una relazione di   ciolly , che qui ringrazio.

Si tratta in effetti del percorso più breve tra i due valichi - anche se non è esente da rischi, per via dell'esposizione e del terreno a tratti infido - perché il transito sul più rassicurante versante Est comporterebbe il lungo aggiramento della cresta SE del Pizzo dei Croselli.

Con l'occasione, abbiamo salito la cima principale del Pizzo dei Croselli (2709 m) e l'anticima Nord, che qualcuno chiama Cima Lucia (2690 m).

Giunti sullo spartiacque, come già notato in altre occasioni, colpisce il contrasto tra i due versanti: pendenze lievi ed estesi pascoli soleggiati in Cravariola, selve sospese tra lisce balze in Antigorio.

Ma è ciò che non si vede a trasmettere il senso più profondo di questa differenza: da una parte giunge il suono lontano dei campanacci, come un'eco del passato, dall'altra i boati delle cave che, consumando il paesaggio, anticipano il futuro...

Il percorso
Lasciamo la macchina nel grande parcheggio di Piedilago e attraversiamo il ponte sul Toce che porta alla frazione Cristo.

In alternativa, si può attraversare il ponte con la macchina e svoltare a sinistra (N) fino ad un piccolo parcheggio con il cartello di divieto di transito e l'indicazione dell'inizio del sentiero per l'Alpe Colla.

Il sentiero, ben segnalato, con diversi tratti gradinati risolve ingegnosamente il problema di superare il ripido versante che sorregge la dorsale dell'Alpe Colla, le cui baite sono ancora in parte utilizzate.

Il percorso traversa quindi a sinistra (E), entrando nella valle del Rio di Antin, che guada in un punto in cui il torrente scorre in piano. Il sentiero, sempre segnalato, sale tra i due rami del torrente e raggiunge i ruderi dell'Alpe Ferruccia (Alpe Saruccia o Alpe Croselli sulle mappe più recenti, 1755 m).

Il sentiero, ancora segnalato ma in modo sempre meno evidente, traversa sulla sinistra (N) e quindi sale, con alcuni cambi di direzione poco evidenti, fino a portarsi sulla dorsale che divide in due l'ampio vallone della Scatta dei Croselli. Raggiunto un pianoro sospeso, salendo a destra (S) si entra in una valletta ingombra di massi che precede la Scatta dei Croselli.

Risaliamo il breve pendio di erba e rocce a Nord del valico e percorriamo la cresta pianeggiante, in prevalenza erbosa, puntando verso il Pizzo dei Croselli. Giunti sotto la cima SO (quota 2764 m), raggiungiamo la più alta delle cenge che fasciano il versante Ovest.

C'è in effetti anche una cengia più bassa ma, verso nord, termina ad una quota inferiore rispetto al valico di quota 2617 e non è segnata dal passaggio degli animali.

Inizialmente anche la cengia più alta è erbosa, ripida e priva di calpestio ma, passando sul versante NO, l'erba termina e, tra gli sfasciumi, appare una piccola traccia. Si procede senza incontrare difficoltà particolari ma il terreno è esposto e a tratti infido.

In breve arriviamo nei pressi del colle di quota 2617 m, posto tra la repulsiva cima del Pizzo dei Croselli (2709 m) e la Cima Lucia (quota 2690 m), che da questa prospettiva appare come il culmine di una rassicurante ondulazione erbosa.

Saliamo un canalino ingombro di massi che scende dalla cresta poco più sud del colle vero e proprio e sbuchiamo a Nord della cima principale, in un punto che si può raggiungere più facilmente salendo direttamente dal colle. Puntando verso la cima, saliamo su rocce appoggiate fino ad arrivare contro un salto verticale. Qui perdiamo un po' di tempo per capire da che parte salire. La Guida dei Monti d'Italia non ci pare chiarissima su questo punto...

Decidiamo di affrontare un esposto traverso sul versante Ovest, su terreno infido. Giunti alla base di un ripido canalino, lo risaliamo sul fianco sinistro su rocce poco solide miste a terra, fino ad arrivare ad un marcato colletto sulla cresta Sud Ovest, dove arriva anche un facile canale erboso dai pascoli del versante Est (la via normale).

Ci portiamo quindi su terreno erboso alla base delle rocce sommitali, che risaliamo con facili passaggi.
Siamo finalmente sulla cima del Pizzo dei Croselli, contrassegnata da un semplice ometto.

Ridiscesi lungo la via di salita, dal colle di quota 2617 m percorriamo la facile dorsale erbosa verso NO e in breve raggiungiamo la Cima Lucia, splendido balcone sulla Valle Antigorio e oltre, in particolare verso le cime dell'Oberland Bernese. Appare finalmente anche il nostro versante di discesa.

Dopo una lunga e piacevole pausa al sole, ci incamminiamo su facili prati e da ultimo, con un breve traverso su sfasciumi sul versante Ovest, arriviamo al Passo del Groppo.

Per la descrizione del sentiero dal Passo del Groppo a San Rocco rimando alla relazione del Corno di Cramec.

Per ritornare a Piedilago, prima del ponte per San Rocco, svoltiamo a sinistra (S) e ci incamminiamo sulla strada di campagna che percorre la sinistra idrografica della Valle Antigorio.

Tempi
Piedilago - Scatta dei Croselli: 3:30
Scatta dei Croselli - Colle di quota 2617 m: 45'
Colle di quota 2617 m - Pizzo dei Croselli: 20' 
Colle di quota 2617 m - Cima Lucia: 15'
Cima Lucia - Passo del Groppo: 15'
Passo del Groppo - San Rocco: 2:30
San Rocco - Piedialgo: 40'

Tourengänger: atal

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (2)


Kommentar hinzufügen

tignoelino hat gesagt:
Gesendet am 15. Oktober 2017 um 21:41
Bella scarpinata, complimenti!!
roby

atal hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. Oktober 2017 um 07:08
Grazie Roby, è stato bello tornare in Antigorio...
Ciao,
Andrea


Kommentar hinzufügen»