Lac Blanc da La Flegère (Chamonix)


Published by andrea62 , 10 August 2017, 19h22.

Region: World » France » Haute-Savoie
Date of the hike: 3 August 2017
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: F 
Height gain: 500 m 1640 ft.
Height loss: 500 m 1640 ft.
Route:La Flegère (arrivo funivia) - Lac Blanc e ritorno.
Access to start point:Usciti da traforo del Monte Bianco seguire le indicazioni per Martigny fino a quando compaiono quelle per la funivia per La Flegère, che nei pressi dell'impianto talvolta mancano. Lasciare l'auto nel parcheggio della funivia, grande ma non troppo, oppure nel borgo di Les Praz. Chamonix e dintorni sono serviti dagli Chamonix bus.
Accommodation:Refuge La Flegère e chalet-refuge Lac Blanc.
Maps:Kompass n.85 Monte Bianco

Il sentiero per il Lac Blanc, frequentatissimo e dal fondo piuttosto sconnesso, offre una visione d'insieme del versante francese del Monte Bianco con le sue aiguilles e quello che rimane dei suoi ghiacciai. Impressionante, per quanto abbiamo potuto vedere dal versante opposto, il ritiro e la diminuzione di volume della Mer de Glace rispetto a come la ricordavamo 12 anni fa.
Il Lac Blanc si trova incastonato tra le Aigulles Rouges, il massiccio che sta proprio di fronte al gruppo del Bianco.
 
Prendiamo il sentiero che parte dal rifugio La Flegère dove arriva la funivia da Les Praz de Chamonix. Con la seggiovia dell'Index si può guadagnare ulteriormente quota e arrivare al lago con un sentiero a mezza costa che dicono scomodo nella parte iniziale perché su pietraia a grossi blocchi.

Dopo pochi passi dalla partenza attraversiamo una piccola pietraia abbandonando temporaneamente il sentiero principale per evitare una breve discesa e la successiva risalita. Poi il sentiero comincia a salire gradualmente su prati affacciati  verso il massiccio del Monte Bianco e alle pendici delle rocciose Aigulles Rouges. Più avanti la pendenza aumenta, si incrociano prima il sentiero che proviene dallo Chalet Les Chéserys e poi quello che arriva dalla seggiovia dell'Index. Da questo punto mancano circa 100 metri di dislivello per il Lac Blanc, sulla cui riva sorge un rifugio. 
 
La giornata era prevista soleggiata ma è cominciata con molte nuvole alte sul massiccio del Monte Bianco, abbiamo percorso comunque il traforo (con un forte sconto gentilmente messoci a disposizione dall'albergo) per trovare un tempo coperto che nascondeva le cime dai 4000 metri in su. Poco per volta tutte le cime si sono scoperte tranne quella più alta.
 
Fotografando questo ben di Dio di vette ardite non ho fatto a meno di pensare che ci fu un tempo in cui tutto questo era nostro, e per “nostro” non intendo italiano ma del Piemonte. Come ho già detto sono originario dell’Oltrepò Pavese, un territorio che spesso ha seguito i destini politici di Milano ma che per circa 120 anni fece parte del Piemonte sabaudo, compresa l’epoca di Paccard e Balmat centrata in pieno. Poiché allora anche la valle di Chamonix apparteneva ai Savoia da circa 800 anni, i miei vecchi compaesani e i primi salitori del Monte Bianco erano compatrioti, politicamente né italiani né francesi ma tutti sudditi di Vittorio Amedeo III che regnava su Piemonte, Savoia e Sardegna. Per questo mi piace dire che “l’alpinismo è nato in quello che allora era il mio paese”.   

Hike partners: andrea62


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T2
T2
14 Sep 12
Lac Blanc · ejain
T3
20 Sep 16
Lac de la Persévérance · genepi
T3
16 Sep 07
Grand Balcon Sud, Lac Blanc · Philippe Noth
T4-

Comments (5)


Post a comment

Sent 12 August 2017, 11h39
Posto e zona fantastica! Ottima scelta e molto interessanti anche le note sul "nostro" Oltrepò...
Ciaoo
Graziano

andrea62 says: RE:
Sent 12 August 2017, 15h18
Oltrepò:il paese della vite e del vino e ... dove è nato l'alpinismo! Ah ah scherzo però un pò di chiasso bisogna farlo, molti escursionisti milanesi neanche sanno che nel sud della Lombardia ci sono montagne alte 1500-1700 metri.Che ci venissero una volta all'anno (sono 100 km) invece di salire per la duecentesima sul San Primo!
Ciao

andrea62 says: RE:
Sent 27 August 2017, 15h31
Michel Gabriel Paccard divenne dottore studiando a Torino. Magari divenne amico di un nostro vecchio compaesano, studente anche lui. Ci sarà stato qualche benestante anche da noi.

ralphmalph says: RE:
Sent 28 August 2017, 10h18
....e se tra qualche anno scoprissero che un nostro compaesano, magari un certo Vercesi o un Achilli, ebbe un ruolo importante, insieme a Balmat e Paccard, nella conquista del Bianco??? Dai, è solo fanta storia di montagna...però....crediamoci...chi lo sa???
Ciao Andrea!!!
Buona giornata!!!!
Graziano

andrea62 says: RE:
Sent 31 August 2017, 21h34
Ad avere un pò di talento per queste cose ci si potrebbe scrivere un raccontino. Che so ... Vercesi spedito a fare il militare a Chamonix incita Paccard a salire il Bianco :)
Ciao


Post a comment»