Laghi Neri di Redoten e di Casinei


Publiziert von Persebear , 10. Juli 2017 um 17:28.

Region: Welt » Italien » Trentino-Südtirol
Tour Datum: 8 Juli 2017
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:

Oggi parto da Pracul in Valdaone per raggiungere i Laghi Neri di Redoten e tornare verso valle passando per il Lago di Casinei. La valle di Redoten è molto selvaggia, cerco dei sentieri sulle mappe topografiche militari e trovo su un sito trentino la descrizione del sentiero numero 250B che dalla Bocca Frontale raggiunge la Val Redoten ed i Laghi Neri. La giornata è bella e soleggiata, e dopo aver superato la Malga Nova, sentendomi in un ambiente poco frequentato e selvaggio, mi libero completamente dei vestiti. Sto diventando un vero naturista!
Dalla Bocca Frontale il sentiero diventa più ostico; si cammina nell'erba alta, spesso tra le felci, e bisogna prestare molta attenzione nell'individuare i punti dove mettere i piedi per non rischiare di cadere e farsi male. A pochi metri da me, al mio passaggio, un capriolo scatta fulmineo e corre a nascondersi.
Perdo quota e sicuramente, avendo studiato abbastanza bene il percorso a tavolino, una volta raggiunto il torrente che scorre a fondovalle, mi toccherà risalire per diverse centinaia di metri di dislivello. A valle bisogna attraversare diversi tratti di torbiera; se ai piedi avessi gli scarponi, sarebbero già inzuppati, invece con i miei sandali non ho problemi di questo tipo. Sono circondato da un ambiente veramente selvatico, lussureggiante ed emozionante. Il percorso è stato segnato molto bene dalla SAT di Daone e questa è una fortuna, altrimenti si rischierebbe di perdersi. Oggi però sto registrando col gps la traccia e provvederò ad aggiungerla alle mappe openstreet. Agli escursionisti che volessero percorrere il 250B, raccomando comunque prudenza, questo sentiero va fatto con attenzione.
Finalmente arrivo al Lago Nero e tiro un sospiro di solievo, sicuro di aver superato la parte più "avventurosa" del giro. Presso il lago trovo alcuni ragazzi che stanno facendo il bagno. Considerate le acque molto fredde del bacino, rimango di stucco nel vederli nuotare al largo, poi una loro amica mi informa che hanno delle mute per tenerli un po' più caldi. Vanno fatti comunque i complimenti a questi intrepidi nuotatori. Anch'io ho voluto provare il brivido del bagno nel lago glaciale, resistendo però solo per un paio di bracciate.
Da questo punto sono rimasto aggregato a questa piacevole compagnia risalendo al Passo di Casinei e tuffandomi successivamente nell'omonimo lago dopo una bella discesa in cresta, attraverso antichi resti di fortificazioni. Ho concluso il giro presso la Malga Nova in quanto sono ritornato all'auto sfruttando il passaggio in fuoristrada dei miei nuovi amici. Per chi è alla ricerca di un po' di avventura in una natura selvatica e lussureggiante, questo giro può rivelarsi una vera perla.

Tourengänger: Persebear


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»