Rietzer Grieβkogel (2884 m) - Skitour - 500esimo rapporto in Hikr.org


Published by siso Pro , 26 March 2017, 16h55.

Region: World » Austria » Zentrale Ostalpen » Stubaier Alpen
Date of the hike:20 March 2017
Ski grading: PD
Waypoints:
Geo-Tags: A 
Time: 4:30
Height gain: 958 m 3142 ft.
Route:Strada Kühtai – Sellraintal fino al portale della galleria antivalanghe (ca. 1947 m) – Obere Zirmbachalm – Zirmbacher Narrenböden – Rietzer Grieβkogel.
Access to start point:Feldkirch – Tunnel dell’Arlberg – Autostrada A12 – Imst – Oetz – Kühtai.
Accommodation:Kühtai.
Maps:Alpenvereinskarte 31/2 – Stubaier Alpen, Sellrain – 1:25000.

Nel giorno dell’equinozio di primavera scelgo una cima nell’alta Sellraintal, in Tirolo. La bellissima giornata mi ha spinto verso una montagna molto decantata dalle guide di scialpinismo: “Beliebtester unter den vielen beliebten Skigipfel des Sellraintales”. Per la verità, la meta di oggi doveva essere un’altra, ma la carenza di neve in fondo alla Sellraintal mi ha dirottato verso le alte quote. L’inizio dell’escursione è così slittato ad un orario poco alpinistico, forse inopportuno considerando il pericolo marcato di valanghe.

 

Inizio dell’escursione: ore 10:00

Fine dell’escursione: ore 14:25

Temperatura alla partenza: 6,5°C

Temperatura all’arrivo: 11°C

Pressione atmosferica ore 9.00: 1013 hPa

Isoterma di 0°C a 2800 m

Sorgere del sole: 6.19

Tramonto del sole: 18.28

 

Parcheggiata l’auto su uno slargo prima della galleria antivalanghe che da Kühtai scende verso Haggen, salgo sul tetto del tunnel, monto le pelli di foca e mi preparo per la gita vestendo una leggera maglietta. Dopo i primi 300 m di lieve discesa imbocco una stradina che sale a sinistra del Klammbach. A questa quota molti cespugli affiorano dalla neve e alcuni pendii appaiono già completamente spogli. Alle mie spalle contemplo il versante nord del Gaißkogel (2820 m), a tutt’oggi la discesa più difficile che abbia mai affrontato con gli sci. Dopo tre tornanti il percorso, finora molto dolce, entra in una valle nascosta rivolta a sud. Mi trovo alla base del Kleiner Mugkogel (2442 m), proprio dove, qualche anno fa, una valanga fece una vittima. Poco dopo una presa d’acqua, a circa 2180 m di quota, la traccia mi porta sull’altro lato del torrente, sull’Obere Zirmbachalm. La salita si fa vieppiù ripida; il sole intenso fa aumentare la temperatura a valori inconsueti per la quota. Là in alto vedo degli sciescursionisti che mi precedono di circa venti minuti. In località Zirmbacher Narrenböden scorgo anche un segnavia posto ad un bivio: a sinistra si sale verso il Kreuzjoch, a destra verso il Grieβkogel o la Peter Anich Hütte. Svolto ovviamente a destra, in un ambiente sempre più bello, immerso in una splendente luce quasi accecante. All’altezza dell’affioramento di rocce Bachwandlen incrocio un nutrito gruppo di sciatori, guidati da un maestro di sci, che sfodera un talentuoso scodinzolo accompagnato da urla di gioia, in perfetta sintonia con la Giornata Mondiale della Felicità. Stimolati dall’obbiettivo della mia macchina fotografica anche gli altri cercano di emularlo, con risultati assai più modesti.

Continuo in perfetta solitudine verso la testata della valle su un pendio che promette una piacevole discesa. Allo Skidepot, sul crinale, ho la sorpresa di incontrare un altro sciatore l’ultimo rimasto a parte il sottoscritto. Si sta preparando per la discesa. Scambio qualche parola e scopro con mia sorpresa, che si tratta di un arzillo anziano ottantatreenne. Dai suoi occhi traspare tutta la soddisfazione per aver raggiunto una cima da far invidia a molti giovani: grandissimo Wolfgang!!!

Abita ad Innsbruck e oltre allo scialpinismo si dedica ancora alle scalate su roccia. Con mio stupore apprendo che conosce anche la Val Bedretto: non è la prima volta che all’estero qualche escursionista cita la nostra bellissima valle ticinese.

Gli chiedo dei consigli per l’ultimo tratto su cresta che conduce alla meta prevista. Asserisce che è sdrucciolevole, ma fattibile anche senza ramponi e piccozza. Sembra un segno del destino: quando porto la piccozza non mi serve mai, quando invece la lascio nel baule dell’auto sarebbe utilissima. Il crocione di vetta dista circa 400 m lineari. Mi avvio con qualche esitazione dovuta anche al fatto che sono rimasto completamente solo, in un posto di selvaggia bellezza, “fuori dal mondo”. In effetti la cresta è decisamente scivolosa; malgrado le impronte lasciate dagli alpinisti che mi hanno preceduto, lo strato di ghiaccio che ricopre le rocce affioranti rende la camminata insidiosa. Mi concentro, senza distogliere lo sguardo dalla cavità dove devo appoggiare gli scarponi, passo dopo passo. La pendenza aumenta progressivamente. Raggiunta una selletta poco sotto la croce di vetta, constato che le rocce successive sono coperte da uno strato di ghiaccio. Continuare senza piccozza né ramponi sarebbe un po’ troppo rischioso, forse addirittura da irresponsabili. Mi accontento di fotografare la croce di vetta da qualche metro di distanza, questa volta senza l’abituale scaramantico tocco accompagnato dall’affermazione geschafft!

 


                                              Rietzer Grieβkogel (2884 m)

La discesa con gli sci è molto piacevole, anche negli ultimi metri, dove la temperatura è superiore ai dieci gradi. Dopo quattro ore e mezza di sciata raggiungo, con i pantaloni inzaccherati, il posteggio sulla strada della Serraintal.

 

 

Nella Giornata Mondiale della Felicità, su una vetta tirolese tutt’altro che facile da raggiungere,  ho avuto la fortuna di scambiare qualche parola con un rubizzo ottantatreenne salito con gli sci. Nei suoi occhi ho visto tutta la felicità che un anziano può ancora provare per una prestazione da far invidia a molti giovani. È stato uno sguardo luminoso e aperto, accompagnato da un sorriso che mi ha trasmesso gioia.    

 

Tempo di salita: 3 h

Tempo totale: 4 h 25 min

Dislivello in salita: 958 m

Sviluppo complessivo: 13,7 km

Difficoltà: PD

Coordinate Rietzer Grieβkogel:

LWD (Lawinenwarndienst Tirol): 3 (marcato)

Copertura della rete cellulare: buona

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (17)


Post a comment

Daniele66 says:
Sent 26 March 2017, 18h32
Complimenti e altre 500 di questi rapporti. ..Daniele66

siso Pro says: RE:
Sent 26 March 2017, 19h01
Grazie Daniele,
cercherò di organizzarmi...
Ciao,
siso.

danicomo says:
Sent 26 March 2017, 19h02
500??? Caspita e complimenti!
Oltre al numero, nelle tue relazioni è alta anche la qualità....
Daniele

siso Pro says: RE:
Sent 26 March 2017, 20h23
Grazie Daniele,
apprezzo molto la tua costante attenzione!
Ciao,
siso.

Francesco says:
Sent 26 March 2017, 20h06
...Tantissimi auguri amis, proprio in qs momento sono rientrato da una piacevole passeggiata a 12 km da casa,un copia\incolla di uno dei tuoi 500 report-

Un carissimo saluto-

siso Pro says: RE:
Sent 26 March 2017, 20h28
Ciao Amis,
adesso mi hai proprio incuriosito! Aspetto pazientemente il tuo rapporto. Grazie per gli auguri e per l'attenzione!
Carissimi saluti,
siso.

beppe says: Bravissimo
Sent 26 March 2017, 22h08
Un caro saluto
Beppe

siso Pro says: RE:Bravissimo
Sent 27 March 2017, 11h53
Grazie Beppe!
Quando si affronta per la prima volta una cima sconosciuta, si è giustamente guardinghi e si procede con circospezione per portare a casa la pelle...
Cari saluti,
siso.

Sent 26 March 2017, 23h07
Tanti veri complimenti per i tuoi 500 rapporti in HIKR... e continua così che ad 83 anni farai, con gioia, le medesime salite di Wolfgang...!!!

Salutoni...

Angelo

siso Pro says: RE:
Sent 27 March 2017, 11h58
Grazie Angelo!
Non oso sperare tanto: credo che Wolfgang sia una mosca bianca. Per contro, sulle piste battute si trovano parecchi anziani in piena forma. Già, ma la pista è un'altra faccenda, non c'è confronto con le gite scialpinistiche.
Carissimi saluti,
siso.

Angelo & Ele says: RE:
Sent 27 March 2017, 13h26
Proprio vero il confronto tra le piste da sci e gli itinerari scialpinistici non regge e a qualsiasi età...

Ma tu emulerai alla grande Wolfgang, né sono certo...

Ecco...
Al limite...
Evita di mangiarti 5 pasticcini dopo ogni gita, sai la glicemia...!!! :-))

Cari saluti e Buone Montagne a Te che dovrai arrivare a ben 1000 relazioni!!!

Angelo

Felix Pro says:
Sent 27 March 2017, 08h25
complimenti anche da parte mia!

saluti, Felix

siso Pro says: RE:
Sent 27 March 2017, 12h01
Grazie mille Felix e complimenti anche a te per la frequenza delle tue escursioni!
Salutoni dal Ticino,
siso.

Poncione says:
Sent 27 March 2017, 23h12
Chapeau Siso. E ora via con le prossime 500: hai ancora molto da insegnarci.

siso Pro says: RE:
Sent 28 March 2017, 11h53
Grazie Emi,
io ci provo, comunque sapere prima quel che succederà nel bene e nel male non è tanto bello. È come se si volesse squarciare il velo di Iside per guardare di là. Prendiamola come viene, basta essere fiduciosi.
Un carissimo saluto,
siso.

Sent 28 March 2017, 17h59
Tanti AUGURI Siso, una pietra miliare di Hikr.
Posso solo augurarti di leggere la tua cinquemillesima escursione.
Un carissimo saluto !
Giorgio

siso Pro says: RE:
Sent 28 March 2017, 18h24
Non preoccuparti ci arriverò senz'altro! :-)
Grazie Giorgio,
cordiali saluti!


Post a comment»