Cima Lariè 2144 m...che fatica!


Publiziert von cristina , 1. Dezember 2016 um 11:13. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum:27 November 2016
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 1 Tage
Strecke:Mocogna-Cisore-Monteossolano-Alpe Reso-Alpe Spino-Alpe Campo-Cima Lariè
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Milano-Sempione uscita Domodossola. Seguire le indicazioni per la Val Bognanco svoltando a dx superando il ponte prima di prendere la strada che entra in valle.

“…è’ giunto il momento di tornare ai Corni di Canzo” la frase simbolo della giornata!!! Una bellissima salita ma in una situazione davvero inaspettata!

In Lombardia di neve ne è scesa poca, anzi guardando le webcam, sembra che la pioggia abbia, in parte, sciolto anche quella che c’era, almeno fino ai 2000 m circa, per cui non pensiamo di trovare grandi differenze sopra Domodossola.

Quindi, non pensando di trovare grandi quantità di neve, anche se il fondo della Val Bognanco è imbiancatissimo, decidiamo di partire da Mocogna, frazione di Domodossola. Una bella mulattiera anche se in alcuni punti parecchio scivolosa ci porta in poco meno di due ore a Monteossolano da dove parte ufficialmente la salita alla Cima Lariè.

Una lunga serie di tornanti e tornantini in costante pendenza e con qualche ripido strappo sale agli alpeggi di Reso, Spino e Campo. Intorno ai 1700 m di quota cominciamo a trovare la prima neve ma non ci preoccupiamo, tanto pensiamo, mancano 400 m di dislivello che sarà mai….

Giunti all’Alpe Campo i cartelli indicano trenta minuti alla cima per la direttissima, facendo i calcoli con i precedenti, per la normale ne dovrebbero mancare una cinquantina invece. Vedendo due che arrancano faticosamente sulla direttissima scegliamo di seguire la traccia per la normale.

Raggiungiamo bene la croce a 1900 m circa e da qui cominciamo la salita verso la cresta. Poco dopo incontriamo le due ragazze passate prima di noi che stanno tornando indietro. So che una di loro legge Hikr, se leggerà il report, mi spiace dirle che il cocuzzolo che pensavano fosse la cima, non lo era, da dove ci siamo incontrati e passata ancora un’ora circa per raggiungerla, in condizioni normali probabilmente la metà però!

Terminate le loro tracce inizia il nostro calvario. Il GPS ci dice che mancano si è no 150 m di dislivello per 1,5 km. Una bazzecola normalmente…un disastro oggi. Avanziamo con lentezza mostruosa, i due Marco si danno il cambio davanti, io sempre nel mezzo. Non pensando di trovare tutta questa neve siamo anche senza ghette e in breve siamo fradici. Più volte pensiamo di tornare indietro. Aspettiamo la coppia, padre e figlia, saliti dalla direttissima e chiediamo loro se se la sentono di darci il cambio ma non sembrano molto propensi, per cui continuiamo. Quando mancano 40 m di dislivello e un 400 m lineari stiamo per gettare la spugna…pausa di riflessione ma…si riprende. La paura più che altro è di finire in qualche buca e spaccarsi o stortarsi una caviglia, essendo la cresta sassossa immagino, visto le voragini che spesso facciamo.

Finalmente la cresta si addolcisce, forse l’ultimo tratto è su erba o c’è più neve che copre le pietre, fatto sta che si procede meglio, continuando in ogni caso a sfondare. Ora è anche più evidente come proseguire, ho così l’onore di fare gli ultimi 250 m, ma vi assicuro che prima di arrivare all’ometto c’è voluto ancore un po’, sembrava sempre lontanissimo…ma alla fine lo abbiamo toccato! Pochi minuti dopo arrivano papà e figlia che ci ringraziano ammettendo che senza di noi non avrebbero proseguito.

Veloci foto di vetta, fortunatamente non fa freddo perché siamo fradici.

Discesa all’Alpe Campo più veloce ma sempre faticosa. Sosta per mangiare qualcosa e strizzare pantaloni e calze. Come dicevo per fortuna il sole è ancora bello caldo…

Il ritorno a Monteossolano è velocissimo ma, abbiamo ancora solo una mezz’oretta di luce per cui accettiamo volentieri, dai compagni di cima, il passaggio in auto fino a Mocogna.

Tanta fatica ma tanta soddisfazione…


Tourengänger: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T2
T2
T2
14 Jun 16
Cima Lariè · Lucia
T3+
T3+

Kommentare (20)


Kommentar hinzufügen

Menek hat gesagt:
Gesendet am 1. Dezember 2016 um 11:19
"tanta fatica ma tanta soddisfazione"... ci credo...sia sulla fatica che sulla soddisfazione! Macinatori di montagne...

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Dezember 2016 um 13:30
Per la sola cresta ci abbiamo impiegato più o meno il doppio del tempo...;-(((

ileana hat gesagt: Ileana
Gesendet am 1. Dezember 2016 um 16:21
Sono una delle due ragazze che avete incontrato, complimenti!!!!

cristina hat gesagt: RE:Ileana
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 09:10
Ciao carissima,

come detto mancava ancora un po' dal punto in cui ci siamo viste, senza bastoncini per voi sarebbe stato impossibile arrivarci...

tignoelino hat gesagt:
Gesendet am 1. Dezember 2016 um 20:17
Bravi!! Mi piace quando venite dalle mie parti. Ciao.
roby

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 09:11
Beh quest'anno ci siamo stati più volte....potresti contraccambiare :-))))

tignoelino hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 15:57
Ah, ah, quando avrò problemi di vene una bella clinica lì.
Ciao, buone gite e, se passate da Pontemaglio, ben felice di offrirvi uno spuntino.
roby

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 18:04
Terremo presente, grazie ciao ciao

tignoelino hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 21:39
:))) dai, ci troviamo in giro

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 5. Dezember 2016 um 09:40
...non sarebbe male ma ho idea che sarà di più di lì che di qua :-))))

Simone86 hat gesagt:
Gesendet am 1. Dezember 2016 um 23:06
Siete dei grandi, non vi siete arresi, complimenti! immagino cuore e polmoni in fuorigiri in quella neva ma alla fine ce l'avete fatta.

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 09:12
Fatica si...ma quanta soddisfazione poi!

Un po' come raggiungere il traguardo di una corsa penso!

andrea62 hat gesagt:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 11:29
" Soldati francesi, nessuno dimenticherà mai il vostro coraggio, ma adesso è il momento di arrendersi! "
" M**** " (Waterloo, 1815)

" Cristina & Marco, nessuno dimenticherà mai la vostra tenacia, ma stavolta è il momento di fermarsi! "
" M....ai! "
Ciao

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 11:53
La cima l'abbiamo vista solo negli ultimi metri, ma controllando il GPS vedevamo che non sembrava lontana anche se per raggiungerla c'è voluto parecchio...

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 13:40
Wow, bravissimi.
Mi mancano un po' queste salite alla vecchia sana maniera. :)

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 13:43
Almeno con le ghette però :-))))

gbal hat gesagt:
Gesendet am 2. Dezember 2016 um 19:12
Vittori Alfieri disse: "Volere è potere"....ma che fatica....forse lo disse anche lui.
La coppia inox non delude mai, con o senza ghette, ramponi, ciaspole.
Bravi

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 5. Dezember 2016 um 09:41
"Volere è potere" è una verità assoluta...

fabioadx hat gesagt:
Gesendet am 4. Dezember 2016 um 10:42
Diciamo che non è da tutti aprire la pista del Lariè con così tanta neve senza ciaspole e soprattutto senza ghette!!! veramente complimenti, ho provato anche io quella sensazione di fare l'apripista (con un pò meno di neve) ma senza equipaggiamento invernale e ne avevo fatta una pelle! ancora complimenti e saluti...

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 5. Dezember 2016 um 09:42
L'altro ieri, ci preparariamo per la nostra escursione, metto gli scarponi e....erano ancora umidi :-(((


Kommentar hinzufügen»