Tete de Cou


Publiziert von Poge Pro , 30. November 2016 um 19:14.

Region: Welt » Italien » Aostatal
Tour Datum:20 November 2016
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Klettersteig Schwierigkeit: L
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Aufstieg: 1270 m
Strecke:16,2 km a/r
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Forte di Bard (Val d'Aosta), consigliata l'uscita di Quincinetto. Alcuni parcheggi liberi e comodi poco prima della rotonda per l'ingresso del paese di Hone.

Dopo il famoso "Va dove ti porta il cuore", dovremmo scrivere un nuovo libro: "Va dove ti porta il meteo".

Oggi siamo all'imbocco della Val d'Aosta, per percorrere uno dei pochi itinerari che partono a bassa quota ... o almeno credo, conoscendo un po' la valle.

Trovato un comodo parcheggio poco dopo il Forte di Bard, torniamo brevemente verso il forte per imboccare il sentiero che ci conduce a Albard de Donnas, posizionato in una valletta nascosta. In realtà siamo arrivati fin qui perchè abbiamo preso il sentiero sbagliato ma ne è valsa comunque la pena. Seguendo la strada (e con qualche taglio) raggiungiamo Albard de Bard dove inizia il sentiero vero e proprio per Verale e La Cou.

Questo sentiero sale comodo e senza strappi nel bosco, passando anche sotto a qualche parete, arriva a Verale dove è presente una chiesetta e poi prosegue per il panoramico alpeggio di La Cou. Da qui seguiamo la dorsale erbosa per la vetta del Tete de Cou, dove riusciamo a scorgere un panorama parziale a causa delle nebbie.

Tornati a La Cou, al riparo dietro una casetta riusciamo a mangiare qualcosa. Nel frattempo arriva un sacco di gente, bambini compresi e sembra che l'alpeggio riprenda vita: che bello!

Finita la nostra sosta continuiamo il giro prendendo la strada militare verso il villagio di Machaby, passando da un paio di alpeggi. Poco dopo un alpeggio imbocchiamo la deviazione per andare a curiosare sotto il Pilastro Lomasti, riuscendo a scorgere anche un camoscio. Arrivati proprio sotto al pilastro notiamo le numerose vie di arrampicata che ne solcano la parete: l'impressione è che non ci siano vie tanto semplici qui sopra!

Tornati alla strada militare continuiamo a scendere e arriviamo a Machaby, dando uno sguardo all'ostello chiuso e anche al Santuario ... sempre chiuso. Per scendere ad Arnad utilizziamo il sentiero diretto. Decisamente un bel sentiero ripido, con molti punti attrezzati, che passa proprio a filo del famoso "Paretone". Forse fatto in salita sarebbe più divertente. Atterrati al parcheggio di Arnad non ci rimane che seguire la statale (decisamente non bella) per tornare alla macchina.

Tourengänger: Poge


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»