Pizzo d'Uccello e dintorni....


Publiziert von patripoli , 3. November 2016 um 20:41. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Toskana
Tour Datum:31 Oktober 2016
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: Alpi Apuane   I 
Zeitbedarf: 2 Tage
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Milano prendere la A1 e poi la A15 ed uscire ad Aulla. Imboccare poi la strada per Fivizzano e seguire prima le indicazioni per Lucca e poi per Minucciano. Subito dopo una galleria, sulla destra, parte la strada per Orto di Donna in Val Serenaia.
Unterkunftmöglichkeiten:Rifugio Donegani, Rifugio Val Serenaia o Rifugio Orto di Donna

INTRODUZIONE

E' da tanto tempo che non scrivo su Hikr, anche perchè il mio  rapporto con le montagne ultimamente non è troppo sereno.
Non è facile far andare d'accordo la ragione con il sentimento e se il cuore mi fa spesso volare in alto....so che il fisico poi mi tradisce e abbandono così qualsiasi velleità....
L'escursione al Pizzo d'Uccello, effettuata qualche giorno fa, ha assunto però per me una valenza così importante ed è stata così appagante, da far rinascere in me il desiderio di condividere questa bella esperienza vissuta con gli amici.
Tutto è partito da Esilde.....
"Mi piacerebbe andare da qualche parte per questo ponte....e magari trascorrere la notte in un rifugio..."
"Perchè no?" aggiungo io
"Beh, fatti venire qualche idea..."
Metto in moto la macchina organizzativa pensando a qualche bella salita che possa essere alla mia portata, cerco quali rifugi possano essere aperti, guardo le previsioni....ed è Mauro che mi viene in aiuto, buttando lì il Pizzo d'Uccello, una salita che avevo fatto da sola anni fa per aspettare sulla cima proprio lui che, insieme ad un amico, arrampicava sulla parete nord.
Mi vengono mille dubbi....dalla paura di rallentare gli altri o addirittura di non farcela....al mio braccio destro, che devo usare con cautela e le ginocchia che ultimamente mi fanno dannare.
Ma Mauro, che crede in me più di quanto ci creda io, non ha dubbi sulle mie possibilità e alla fine mi convince, anche se non può accompagnarci.
Gli amici accolgono con entusiasmo la proposta, anche perchè il Pizzo d'Uccello è un po' che gira nell'aria ma, forse a causa della lontananza, non siamo mai riusciti ad inserirlo nei nostri piani.
Siamo in 5 e, come sempre, le donne sono in maggioranza....

LUNEDI' 31 OTTOBRE

Sono da poco passate le 6:00 del mattino quando sento squillare il telefono: è Marica che, con una voce afona, mi dice che non sta bene e quindi non verrà....pazienza!
Il viaggio, nonostante la nebbia ci accompagni per un lungo tratto, non è pesante e neppure lungo e alle 11:00 siamo al Rifugio Donegani, il cui gestore, dopo essere stato informato dell'assenza di un componente del gruppo, ci chiede comunque di pagare la sua quota.
All'inizio non riusciamo a capire se si sta prendendo gioco di noi o se sta facendo sul serio, non ci è mai capitata una cosa del genere, ma vista la sua determinazione ci rendiamo conto che non sta affatto scherzando.
Lui si lamenta del fatto che spesso succede che persone che abbiano prenotato rinuncino poi all'ultimo momento e capiamo le sue ragioni, ma forse è solo un po' nervoso e ha bisogno di sfogarsi, perchè dopo un po' desiste dalla sua richiesta e, dopo aver sottolineato che dal prossimo anno richiederà il pagamento del soggiorno anche a chi non si presenterà, ci chiede dove abbiamo intenzione di andare.
Noi vorremmo salire alla Foce Siggioli e magari percorrere la Cresta di Capradossa, ma lui ci convince a salire alla Foce del Cardeto, un percorso un po' più impegnativo di quello preventivato.
Gli amici mi chiedono se me la sento....
Non vorrei giocarmi in un colpo solo tutta l'energia e la forza che ho a disposizione, ma voglio anche mettermi un po' alla prova e rispondo di sì, anche se le ore che abbiamo a disposizione non sono molte....
Scendiamo quindi fino al Rifugio Serenaia e poi imbocchiamo il sentiero n. 178, che sale ripidamente nel bosco di faggi, fino ad incontrare il sentiero n.180 che porta invece al Rifugio Orto di Donna e che percorreremo per un tratto in discesa.
Saliamo ancora un po' e ci ritroviamo su un ripiano roccioso da dove possiamo ammirare, proprio di fronte a noi, l'imponente mole del Pizzo d'Uccello e, sulla destra, il Pisanino, il monte più alto delle Apuane, meno accattivante, ma pur sempre seducente.
Ne approfitto per riposare un po', perchè la stanchezza comincia a farsi sentire.....
Il sentiero, pur non essendo particolarmente impegnativo, non può considerarsi neppure banale e alterna tratti ripidi nel bosco con tratti in cui bisogna superare alcune roccette.
Quando mancano ormai un centinaio di metri di dislivello usciamo finalmente allo scoperto e, dopo aver superato il bivio con il sentiero n.179, che percorreremo nella prima parte della discesa, raggiungiamo la Foce di Cardeto, da dove possiamo ammirare il Monte Cavallo e il Contrario.
Da qui partono i sentieri che portano in cima al Pisanino e al Passo della Focolaccia
Ci fermiamo qualche minuto al sole per mangiare qualcosa e scambiare quattro chiacchiere con altri due escursionisti e poi iniziamo la discesa che, con alcuni saliscendi, porta al Bivacco K2 e al Rifugio Orto di Donna, che si trova nei pressi di una ex cava del grande bacino marmifero di questa zona, rifugio chiuso ormai da alcune settimane.
 A questo punto percorriamo la strada marmifera che costeggia alcune cave in disuso e altre ancora attive, cercando di fare attenzione ai pesanti mezzi che trasportano il materiale estratto.
Non è un gran vedere, ma in breve raggiungiamo l'accogliente Rifugio Donegani, che ci ospiterà per la notte, sognando e immaginando la salita del giorno dopo su una delle montagne simbolo delle Apuane....

Dati tecnici:
Percorso ad anello di circa 7,5 km
Dislivello in salita: 719 m.
Dislivello in discesa: 688 m.

MARTEDI' 1° NOVEMBRE

Il Pizzo d'Uccello ci aspetta e, illuminato dal sole, sembra più invitante che mai.....
Alle 8:30 siamo già sulla strada delle cave, che costeggiamo per un tratto seguendo il sentiero 37a, in un paesaggio tristemente deturpato dagli scavi.
Ad un certo punto incontriamo un tratto attrezzato e poi continuiamo a salire nel bosco di faggi, facendo attenzione ai segni sugli alberi, per arrivare alla Foce di Giovo, una sella erbosa da dove si gode di una bellissima vista che spazia fino al mare.
Da qui seguiamo il sentiero 181 che aggira un pinnacolo roccioso e, fra roccette e radi faggi, porta al Giovetto, da dove inizia la via normale del Pizzo lungo la cresta sud est.
Già trovarci davanti a questa spettacolare e imponente parete rocciosa ci emoziona, ma via via che ci avviciniamo e tocchiamo la roccia l'eccitazione prende il sopravvento.
Avanziamo superando sfasciumi, balze rocciose, strettoie, canalini e cenge, con la cima che, per quanto mi riguarda, fatica ad avvicinarsi.....anche se in realtà è la mia fatica che non la fa avvicinare....
Ho il fiatone quando arrivo sull'anticima, ma la soddisfazione è così grande e l'emozione così intensa, che non riesco a tenere a freno le lacrime....e non sono la sola!
Un forte abbraccio ci dà la consapevolezza che condividiamo le stesse sensazioni.
Il panorama è a dir poco stupefacente e abbraccia valli, paesi, montagne e mare....addirittura individuiamo in lontananza l'isola di Palmaria.
Non restiamo a lungo gli unici a  godere di queste meraviglie e ben presto veniamo raggiunti da altri escursionisti sulle cui facce leggo la stessa soddisfazione, lo stesso stupore e lo stesso entusiasmo che proviamo noi.
Le parole non servono.....
Riprendiamo la via del ritorno, sapendo che anche in discesa non dobbiamo perdere la concentrazione e stanchi, ma contenti, raggiungiamo di nuovo il Rifugio.
Torno serena a casa, alla vita di sempre, da chi mi aspetta e conosce il mio bisogno di mantenere sempre vivo il contatto con le montagne....
 
Dati tecnici:
Percorso parzialmente ad anello di km 6,140
Dislivello in salita: 686 m.
Dislivello in discesa: 686 m.



Tourengänger: pizzo1954, patripoli

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (22)


Kommentar hinzufügen

Menek hat gesagt:
Gesendet am 3. November 2016 um 21:04
Bello leggerti di nuovo su Hikr, bello leggere le immancabili emozioni che trasmetti, e bello il giro! Bel tris direi...
A presto
Menek

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. November 2016 um 18:52
Quanti complimenti.....mi fai arrossire!
A presto e stammi bene....

Angelo & Ele hat gesagt:
Gesendet am 3. November 2016 um 21:15
Finalmente ti rileggiamo e viviamo con Te le tue diverse e profonde emozioni.
BRAVA Patrizia!
Tanti cari saluti...
Angelo+ Eleonora

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. November 2016 um 19:00
Eh sì....è un po' che manco....
E' stata una bella salita quella sul Pizzo d'Uccello, ma ora sono tutta dolorante....
Lo spirito però è sempre bello forte e vivo e questo è ciò che conta.
Un saluto e un abbraccio, cari ragazzi!

numbers hat gesagt:
Gesendet am 3. November 2016 um 21:40
Bentornata!
Dal mal di montagna non si guarisce...

Mario

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. November 2016 um 19:01
Mal di montagna....una malattia cronica....
Ciao Mario!

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 3. November 2016 um 23:37
Che bello rivedere Patrizia & C.
Bravi tutti, e bellissime foto di bellissimi posti.

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. November 2016 um 19:03
Una bella faticaccia, almeno per me....ma i posti meritano e le foto lo testimoniano.
Un grande ciao!

cristina hat gesagt:
Gesendet am 4. November 2016 um 06:27
Mi devo ripetere, bellissimo rivederti su Hikr. Una lacrimuccia é scappata leggendoti.
Un abbraccio Cri

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. November 2016 um 19:16
Grazie Cri, per le tue parole accoglienti e per la solidarietà....
Ricambio l'abbraccio!

veget hat gesagt:
Gesendet am 4. November 2016 um 09:10
Ciao Patrizia,
come non condividere la tua "felicità".......Il piacevole racconto scritto con il tuo inimitabile stile, unito alle emozionanti foto(canalini , creste , rocce.... e sorrisi!),dimostra quanto aiuta l'amore per la montagna, ha vincere...
Complimenti a Tutta la bella e determinata Compagnia!
Alla prossima!
Giancarla e Eugenio


patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. November 2016 um 19:18
E' sempre un piacere sentirti, le tue parole sono un "toccasana"!
Spero di rivedervi presto....

danicomo hat gesagt:
Gesendet am 4. November 2016 um 09:19
Bentornata, un abbraccio forte....
Daniele

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. November 2016 um 19:19
A volte ritornano....
Un forte e caloroso abbraccio anche a te!

tignoelino hat gesagt:
Gesendet am 4. November 2016 um 17:53
Bentornata, gran bella roccia. Ciao.
roby

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. November 2016 um 19:28
Una bella roccia davvero, solida e compatta!
Ti piacerebbe.....
Ciao

gbal hat gesagt:
Gesendet am 4. November 2016 um 18:07
Come rentrèe hai scelto una meta di tutto rispetto; alla faccia delle perplessità che hai mostrato di padroneggiare.
Complimenti Patrizia, se muscoli e articolazioni valgono 10, la testa vale 100.
Bravissime/i

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. November 2016 um 19:33
Mi piace il modo in cui riesci a cogliere i lati positivi di ogni situazione.....
Io non sempre ce la faccio, ma è rincuorante sentirmelo dire.
Grazie!

peter86 hat gesagt:
Gesendet am 5. November 2016 um 18:22
Che bello rivederti sui monti, bentornata!
Davvero una bella cima, complimenti!
Ciao
Pietro

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. November 2016 um 21:05
Ritorno temporaneo.....
Ciao Pietro!

Poge Pro hat gesagt:
Gesendet am 16. November 2016 um 20:33
Bello.
Anche io l'ho inserito nelle "cose da fare".
A.

patripoli hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. November 2016 um 21:05
Merita|
Ciao


Kommentar hinzufügen»