Uluru Base Walk


Publiziert von andrea62 , 27. Oktober 2016 um 23:31.

Region: Welt » Australia » Northern Territory
Tour Datum: 8 Oktober 2016
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: AUS 
Zeitbedarf: 4:30
Strecke:Mala Walk + Base Walk + Kuniya Walk + Lungkata Walk
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Il centro turistico è Yulara, a circa 20 km dal parcheggio "Mala" dove inizia il giro. A Yulara c'è l'Aeroporto "Ayers Rock" oppure si raggiunge in 443 km di strada da Alice Springs.
Unterkunftmöglichkeiten:A Yulara si trovano alcuni alberghi, degli appartamenti e un campeggio, inoltre un supermercato, alcuni bar e negozi.

Sono stato in viaggio con mia moglie nell’anno del 25esimo e dodici mesi fa conoscevo poco dell’Australia. Dai libri "Le vie dei canti" di Bruce Chatwin e "In un paese bruciato dal Sole" di Bill Bryson  penso di aver imparato che, secondo gli aborigeni australiani, gli antenati detti anche sogni si crearono da soli con l’argilla, percorsero il paese e con i loro canti crearono il mondo. Quindi ogni paesaggio naturale visibile in Australia esisterebbe perché da quelle parti è passato qualche antenato. In quella genesi, che noi chiamiamo “Tempo del Sogno”, l’antenato-canguro, l’antenato-serpente e tutti gli altri dettarono anche le regole di comportamento. Terminato il loro compito, gli antenati tornarono nel sottosuolo, dove tuttora riposano.
E mentre Europei, Arabi, Cinesi cercano di modellare il mondo in funzione delle loro esigenze, gli aborigeni cercano di conservarlo il più possibile uguale a come lo crearono gli antenati, e lo stesso vale per le leggi.
 
Con queste nozioni di base, e alcune altre, mi accingo a percorrere il mio primo sentiero australiano. Si tratta dell'Uluru Base Walk, il percorso che gira attorno al grande monolito che i locali chiamano Uluru e che i bianchi avevano chiamato Ayers Rock in onore di un uomo politico.
 
Uluru è un affioramento di arenarie del tipo chiamato “arcose”, che si sono depositate  circa 600 milioni di anni fa sul fondo di un mare interno per erosione di una catena montuosa. Circa 200 milioni di anni dopo, un’altra orogenesi ha innalzato gli strati:  ciò che si vede era inglobato in una massa rocciosa più tenera e quindi smantellata più facilmente dall'erosione.
Nel sottosuolo c’è la porzione di gran lunga più grande della massa di Uluru, che emerge dal suolo per circa 350 metri ma vi sprofonda per circa 7 km.
Uluru e' profondamente inciso dall’erosione dell’acqua e del vento e pertanto presenta un gran numero di canali, canaloni e grotte. Le rare volte che piove l'acqua si riversa in cascate lungo le vie preferenziali.
I nativi hanno naturalmente un’altra spiegazione sulla sua genesi: dei ragazzi l’avrebbero modellato impastando l’argilla con l’acqua, in seguito scivolando lungo le sue pareti l’avrebbero inciso frenando con le unghie.
Il suo tipico colore rosso è dovuto alla ricchezza di minerali ferrosi, alterati dall'acqua come avviene per la ruggine.
 
Uluru Base Walk si descrive in due righe: sentiero lungo circa 10,4 km ottimamente tracciato su fondo argilloso e completamente pianeggiante, dovete difendervi dal Sole e dalle mosche. Tuttavia almeno tre dei quattro settori in cui è diviso raccontano storie del Tempo del Sogno. In questa zona l’insieme di leggi e tradizioni aborigene viene chiamato Tjukurpa, da pronunciarsi più o meno ciook-orr-pa.
 
Abbiamo cominciato alle 8 del mattino con 27 gradi, alle 10 erano 31 e terminato alle 12.30 con 33-34. Il percorso richiede mezz'ora/un'ora in meno di quanto impiegato da noi, però ci siamo fermati a fare tutte le foto che volevamo e sostato davanti ai cartelli esplicativi, perché mia moglie è implacabile e li guarda tutti. Fortunatamente avevo già letto tutte le storie per cui la traduzione è stata rapida o gliele avevo già raccontate oppure ce la siamo cavata fotografandoli.
 
Al parcheggio del “Mala Walk” comincia la via attrezzata per scalare Uluru e alcune persone si stanno cimentando. Gli aborigeni Anangu nel 1985 sono stati dichiarati dal governo i proprietari dell’area, per 99 anni l'hanno affittata al governo e per vari motivi invitano educatamente ma con fermezza a non scalare la montagna. Avevo letto da più parti che l’ascensione era stata vietata ma adesso vedo che si può fare ed è qui davanti, pertanto la tentazione di salire è fortissima. Ventimila chilometri e venti ore chiuso dentro dei "barattoli", come li chiama Bill Bryson, e poi non salgo? Non oggi, posso tornare tra due giorni al mattino presto, prima di partire per il Kings Canyon. Tuttavia continuo a dire che in Italia tutti devono rispettare le leggi e certe norme di comportamento, quindi qui FACCIO QUELLO CHE SUGGERISCONO LE BUONE MANIERE DEGLI ANANGU, tutto sommato non mi stanno chiedendo una cosa irragionevole. La questione è DEFINITIVAMENTE chiusa: non salgo.
 
Percorrendo il sentiero in senso orario, il primo tratto è chiamato Mala Walk dal popolo dei Mala, uomini-wallaby scacciati da un cane gigante inviato da un popolo vicino per una ritorsione. Le caverne alla base di Uluru sarebbero state abitate dai Mala e in precedenza scavate da una talpa gigante per partorirvi e vivervi.
In questo settore incontriamo tante persone ma si tratta di una passeggiata classica per i tour organizzati.
Dopo la sorgente della Kantju Gorge comincia il Base Walk propriamente detto, che costeggia il versante nord-nord-est ed è il tratto più lungo e più monotono perché più distante dalla roccia, che comunque non è mai uguale. Qui gli escursionisti cominciano decisamente a diradarsi, anche se non ci siamo mai trovati in un ambiente veramente isolato. Si tratta di un’escursione in un deserto addomesticato da una forte presenza turistica, poco piovoso ma ricco di vegetazione arbustiva e d’alto fusto che diviene più fitta vicino alle sorgenti.
 
Aggirato lo sperone est della roccia, si percorre il Kuniya Walk. Questo settore ricorda il personaggio forse più importante dei racconti di Uluru: la donna-pitone Kuniya che qui uccise un uomo-serpente-velenoso (Liru), per vendicarsi del fatto che egli le aveva ucciso un nipote. I massi che qui giacciono sarebbero i resti pietrificati del Liru letteralmente fatto a pezzi da Kuniya. Invece le spaccature nella roccia sarebbero i colpi di lancia inferti al Liru. Suggestive queste tradizioni aborigene ma specialmente per uno che aveva studiato da geologo: QUANTE BALLE!
E’ in questo settore che vediamo due ragazze aborigene, le prime persone che incontriamo appartenenti a questa etnia. Una delle due cammina a piedi nudi e maneggia disinvoltamente un i-phone. Istintivamente vorrei inserirle in una fotografia, anche se non in primo piano, ma in parte perché gli aborigeni non gradiscono essere fotografati e in parte perché siamo in una delle zone in cui è vietato fotografare Uluru perché particolarmente sacre, rinuncio. "Al diavolo! Se dai retta a loro tutta l'Australia è un luogo sacro!" dice un amico di Chatwin. Comunque dei cartelli vietano esplicitamente di fotografare certi settori.
Il popolo aborigeno ha lasciato i suoi disegni sulle rocce vicino alle sorgenti e nelle grotte.
 
Nella zona si trova la sorgente Mutitjulu, dove sempre secondo la tradizione locale riposa Kuniya. Presso la sorgente la presenza turistica è più forte perché viene raggiunta dall’altra classica passeggiata per i gruppi organizzati. Non mi pento di avere noleggiato un’auto per visitare l’area con i nostri tempi e secondo i nostri interessi.
 
L’ultimo settore del sentiero si chiama Lungkata Walk dal nome di un uomo-lucertola. Questi fu ucciso dai fratelli Panpanpalala perché colpevole di furto e di menzogna, violando la legge "Tjukurpa", cosa molto grave. La sua caverna venne invasa dal fumo del fuoco acceso dai due fratelli per vendetta, il Lungkata cercò scampo ma nella foga precipitò e i suoi resti pietrificati sono visibili alla base della roccia. E con questa ultima tradizione si conclude il periplo di Uluru perché il Lungkata Walk riporta al parcheggio di partenza. 

Ho indicato T2 per il clima trovato, un pò più caldo rispetto alla media stagionale anche per questa regione, e per l'ambiente comunque desertico di cui tenere conto, come difficoltà tecnica è T1.

Tourengänger: andrea62


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T2
21 Jun 13
Uluru/Ayers Rock (865 m) · robstein
T2
3 Nov 93
Uluru (Ayers Rock), 865m · Linard03

Kommentare (14)


Kommentar hinzufügen

giorgio59m hat gesagt:
Gesendet am 28. Oktober 2016 um 10:22
Bei posti e belle foto !
Bravo Andrea, ciao

andrea62 hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Oktober 2016 um 14:12
Grazie! Il posto è quasi unico al mondo e il paesaggio è decisamente inusuale rispetto a quelli cui siamo abituati.
Ciao
Andrea

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 28. Oktober 2016 um 13:25
Bellissimo... davvero cose dell'altro mondo. :)
Ciao

andrea62 hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Oktober 2016 um 14:13
E fino all'anno scorso per me l'Australia esisteva soltanto sul medagliere olimpico e durante il Mondiale di rugby. Poi gradualmente mi sono appassionato alla progettazione del viaggio.
Ciao
Andrea

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Oktober 2016 um 14:43
Un viaggio non proprio dietro l'angolo....complimenti e auguroni!

andrea62 hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Oktober 2016 um 15:08
L'idea non è neanche stata mia. Poi, come detto, poco alla volta ho scoperto tante cose e tanti luoghi che non conoscevo.
Ciao.

andrea62 hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Oktober 2016 um 23:25
Dimenticavo: grazie per gli auguri! tra un pò arriva il vostro? lo festeggerete con 25 quattromila? :)

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. November 2016 um 09:54
Siamo prossimi ai 21 :-)))...

Festeggeremo con 25 cime sotto i 1000....mica facile trovare anche quelle!!!

Francesco hat gesagt: .Wowww
Gesendet am 28. Oktober 2016 um 15:54
.Che spettacolo Andrea, grandioso....
Paesagi inusuali, ed esclusivi...quant'è bello il nostro pianeta-

Complimente per la scelta-


andrea62 hat gesagt: RE:.Wowww
Gesendet am 28. Oktober 2016 um 23:29
Tutti gli aggettivi che hai usato calzano a pennello! Inoltre il pianeta ha veramente dei posti grandiosi, una delle sfide dell''umanità è preservarli.
Però, come dirò più avanti, una volta abituati a un certo paesaggio per noi inusuale, viaggiare in Australia può diventare un pò monotono perché la natura non cambia per centinaia di chilometri.
Ciao

Angelo & Ele hat gesagt:
Gesendet am 28. Oktober 2016 um 16:42
Fantastica meta di viaggi e trek completamente diversi da ciò che siamo normalmente abituati.
Complimenti per la scelta e... BUON 25ESIMO...!!!!!

Salutoni...

Angelo

andrea62 hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Oktober 2016 um 23:30
Grazie per l'augurio ed è proprio vero: c'è molto di diverso dai nostri classici ambienti sia naturali sia "cittadini".
Ciao.

patripoli hat gesagt:
Gesendet am 4. November 2016 um 19:41
Un posto speciale!
Lo ricordo al tramonto....accendersi di rosso....una grande emozione con tanto di lacrimuccia!

andrea62 hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. November 2016 um 22:32
Gande Patrizia, che anche tu hai avuto ll'occasione di vedere quella roccia!


Kommentar hinzufügen»