Capanna Osola : la baita che tutti vorremmo


Publiziert von giorgio59m , 8. Juni 2016 um 09:20. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Locarnese
Tour Datum: 2 Juni 2016
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Poncione Piancascia   Gruppo Pizzo delle Pecore   Gruppo Monte Zucchero   CH-TI 
Zeitbedarf: 5:00
Aufstieg: 850 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Autostrada A2 – uscita Bellinzona Sud – Gordola – Valle Verzasca – Brione Verzasca

   
 

 

Verzasca Mon Amour, e capanna 4 stelle !

 

Uscita rubata … e per questo ci ritroviamo solo in tre.

Più che mai difficile decidere dove andare, la pioggia è sicura, continue consultazioni del meteo per cercare dove “prenderne di meno” …

Considerato che è il 2 giugno, e festa solo da noi, meglio approfittare per visitare qualche capanna che manca nell’ album …..

Così mi viene in mente un recente suggerimento dell’ amico francesco, per la capanna Osola, in una laterale della bella Verzasca.

Raggiungiamo Brione, a fianco della chiesa parte la strada asfaltata che risale la lunga Valle Orsura, la palina alla fermata del postale indica la capanna a 3:20.

La prima idea è di salire in auto, ma alla chiesa c’e’ un evidente cartello di divieto, quindi torniamo indietro e parcheggiamo al cimitero (parcheggio non a pagamento), Q750 partiamo alle 08:15.

Il meteo è decisamente cupo e minaccia di piovere da un momento all’ altro, e noi iniziamo la lunga camminata.

La strada sale lentamente, stretta e sempre a fianco del torrente Orsura, tributario del Verzasca, e come questo con le acqua limide e verdastre, smeraldine.

Il torrente è carico d’acqua, viste le piogge del periodo, ma scorre impetuoso e pulito in grandi forre rocciose, con enormi buche e levigando la pietra che l’imprigiona.

Si incontrano sulla strada piccoli borghi o baite isolate, quasi tutte ben sistemate, ma l’attenzione è quasi sempre per il torrente e le sue acque.

Alle 09:00 siamo a Daghei di Dentro Q955, qui la strada asfaltata finisce, gruppetto di baite stupendo.

Si prosegue ancora per poco su sterrato, fino a Pianasc di Fuori Q990, percorsi 4Km su strada, qui “sarebbe” possibile parcheggiare l’auto.

Ora inizia il sentiero vero e proprio, sempre marcato e visibile, si passano alcuni ponticelli, a Q1075 c’e’ un ponte che permette di attraversare il fiume.

Ora il sentiero si alza sopra il torrente, in boschi misti o di faggio, le pendenze mai eccessive, quindi le mie pause sono molto più scarse del solito.

Peccato per il panorama, le nuvole sono molto basse, e a parte qualche bella cascata si vede poco o nulla.

Quasi a Q1400 si guadano vari torrentelli, ed il sentiero spiana in un bel bosco di larici ed abeti, un posto da favola.

Proseguiamo ancora, sul fondo di una radura prativa ecco la bandiera elvetica, e sotto la bella costruzione della capanna Osola, Q1420, sono le 10:55 e ben 8,6Km percorsi.



 

Entriamo ad ammirare questo gioiellino, locale unico e lungo con cucina e sala da pranzo, al centro la stufa che subito accendiamo per asciugarci, non abbiamo preso acqua ma è molto umido e comunque siamo sudaticci.

E’ molto presto, meditiamo la salita al rifugio Sambuco Q1895, stimiamo 1:30 o poco più,  ma la nuvolaglia scura ce lo sconsiglia, in alto non si vede nulla,  quindi passiamo il tempo a visitare la bella capanna, inutile dire che non c’e’ nessuno.

Cucina spettacolare, attrezzatura al top, bagno esterno con doccia, ben 18 posti per dormire, è la baita che tutti noi vorremmo avere ….

Avviata la stufa, poco prima di mezzogiorno ci mettiamo a pranzo (al sacco), nel frattempo di fuori piove.

Arrivano tre escursionisti, vengono dall’ Italia e sono di passaggio, saliranno alla bocchetta di Canova per pernottare alla capanna Alpe Spluga, in Val di Giumaglio, laterale della Maggia.

Contrariamente a noi, di pioggia ne hanno presa un po’, e sempre contrariamente a noi hanno portato l’auto fino a Pianasc, seguendo i consigli di una “locale” a Brione.

Pranzano anche loro, si asciugano un po’, poi sempre sotto una pioggia continua si rimettono le mantelle e ripartono per il loro percorso.

Noi non abbiamo fretta ed attendiamo il momento propizio per il ritorno, pulizie, firma e pagamento, quindi ci prepariamo per il ritorno sotto una lieve pioggerella.

Di acqua ne prendiamo ben poca, e dopo 20min circa togliamo anche mantella e kway, il percorso è ovviamente lo stesso dell’ andata, quindi discesa veloce e rientro in auto a Brione circa 2h di cammino.

Bella gita, proprio rubata … sia alla famiglia che al meteo, una bella scoperta questa capanna, da ben considerare per uno dei nostri compleanni “gastronomici”.


Giorgio
 

 
 
   
 

            Vista da Luciano   -    (barba43)

 

Grande escursione in Verzasca,

Un immenso fiume con mille pozze d'acqua verde smeraldo, con profondità immense, perfetto  per gli amanti del canyoning.

E' stato proprio un giro super-bello, non ho mai immaginato che c'era una lunghissima distesa d'acqua così.

Si potevano risparmiare circa 8 chilometri di strada asfaltata, ma è giusto che era chiusa la circolazione, così è stato più bella percorrerla.

Terminato questo percorso, ci siamo incamminati nel bosco non tanto ripido, e  pian piano abbiamo raggiunto la Capanna Osola, una stupenda Capanna, la più bella che abbia visto fin d'ora, arredata al massimo, senza tralasciare nulla.

C’era tutto l 'occorrente per cucinare, ed anche una bella stufa per il riscaldamento.

Preso possesso del rifugio ci siamo messi come sempre ad accendere la stufa ed  a pranzare, fermandoci un paio d'ore, poi siamo ripartiti  con una pioggerellina, che dopo pochi minuti ha smesso, così fino quasi  arrivati all'auto.
Sono rimasto molto contento e sbalordito di tutto quello che ho visto, e vi auguro e suggersisco questo bel giro .... IMPAGABILE

Ciao a tutti, belli e brutti

 

 
 
   
 

              Vista da Gimmy-    (gimmy)

 

Escursione rubata  uscita infrasettimanale ma ne e valsa la pena

Nonostante il meteo che non prometteva niente di buono , invece il cielo ci ha dato una mano abbiamo preso veramente pochissima pioggia , camminata lunga con una parte fatta su strada asfaltata ,finita questa  incomincia il sentiero che costeggia per buona parte il fiume regalando scorci da cartolina, dulcis in fundo il rifugio osola, molto bello , pulito con arredamenti più da baita privata che da rifugio ,sicuramente insieme alla bovarina il rifugio più bello da me visitato,

 Ciao alla prossima


 
 
 
     
 
RIASSUNTO del PERCORSO
Percorso Totale :  17,2 Km totali, 7h:00m totali, 4:40m di cammino
Andata : 8,6 Km, 2:40 lorde, 10m soste
Ritorno : 8,6 Km, 215 lorde, 10m soste
Dislivello : 670 mt di assoluto , 850mt di relativo
Libro di vetta: SI in capanna
Copertura cellulare: Buona sul percorso
Partecipanti :

Giorgio, Gimmy, Barba

 
 
   
   

Altre foto, diario, tracce sul nostro sito     

www.girovagando.net        escursione # 248

  

 

 
 

Tourengänger: giorgio59m, gimmy, Barba43


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (4)


Kommentar hinzufügen

numbers hat gesagt:
Gesendet am 8. Juni 2016 um 10:10
Sembra davvero un gioiellino,
bravi come sempre ad esplorare e scoprire nuove perle.
E a non lasciarsi scoraggiare dal meteo.

Mario

Barba43 hat gesagt: RE:
Gesendet am 8. Juni 2016 um 10:25
Grazie mario, è un super gioiellino, l'escursione è impagabile
davvero, ci devi andare
Luciano

brown hat gesagt:
Gesendet am 8. Juni 2016 um 13:56
Bel FURTO infrasettimanale Raga. Avete fatto bene e avete scoperto una bella primizia. Complimenti spero di poter vedere di persona questi bellissimi posti.
Paolo

Barba43 hat gesagt: RE:
Gesendet am 8. Juni 2016 um 14:42
Purtroppo il eri indaffarato, comunque è stupenda Paolo
merita anche per aver costeggiato un fiume stupendo
ciao Luciano


Kommentar hinzufügen»