Mittaghorn 2561mt - anche per noi!


Published by giorgio59m (Girovagando) , 12 April 2016, 08h42. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Grisons » Hinterrhein
Date of the hike:10 April 2016
Snowshoe grading: WT3 - Demanding snowshoe hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR 
Time: 7:30
Height gain: 1200 m 3936 ft.
Route:Come da Waypoint
Access to start point:Raggiungere Splugen, passando dal tunnel del S.Bernardino. All' uscita dell' autostrada seguire per il paese, quindi seguire le indicazioni per il Passo dello Spluga. C'e' un lungo rettilineo in salita, si parcheggia quasi alla fine in uno slargo sulla destra.

   
 

 

Ci sono riuscito, e con grande soddisfazione …

 

 

Già da questo report ho sempre sperato di arrivarci, poi a rafforzare il desiderio la recentissima gita … Ma li conosco, è tutta gente che ha 6 marce in più di me J

Ma con umiltà, tanta speranza e soprattutto voglia e determinazione, la metto in cantiere con gli amici, e viste le previsioni per domenica tutti accettano senza indugi.

La prima delusione la proviamo all’ uscita del tunnel del S.Bernardino, in Mesolcina splende un sole favoloso, qui nebbia e nuvole basse …

Parcheggiamo a Splugen, nel parcheggio a destra sulla strada che sale al passo e che ovviamente è ancora chiusa, non c’e’ nessuna auto, la stagione è ormai chiusa e la giornata non promette …

Siamo in cinque, manca ALL/Roberto impegnato, ed il termine calza a pennello, su “altri fronti”.

Partiamo alle 08:05, caricata la traccia delle due precedenti escursioni su gps, altro che il sole di S.Bernardino, qui svolazza anche qualche fiocco di neve.

Si sale su una strada chiusa al traffico, poca neve ma fresca, temperatura o°.

Nonostante le tracce ed il gps, forse anche frutto di troppe chiacchere, non vediamo il bivio a destra per il sentiero (non c’e’ palina con indicazioni) ed andiamo molto oltre.

Arriviamo ad una baita e guardando la cartina decidiamo di seguire la direzione verso il sentiero, un bel tratto wild con “simpatico” attraversamento di un canale (ricordarsi di non fare al ritorno …).

Riprendiamo il sentiero giusto a Q1700, ed inizia un bel tratto nel bosco, piuttosto ripido ed impegnativo.

Le indicazioni sulle piante non sono sempre visibili, il gps è stato fondamentale.

Sbucati dal bosco arriviamo ad una palina a Q2066, la scritta riporta Razunscheralp. Ora seguiamo le indicazioni per i laghetti.

Seguendo le bollature sulle pietre (a questa altitudine non c’e’ più vegetazione), con qualche bel tiro ripido arriviamo al primo laghetto, ghiacciato ovviamente, e proseguiamo verso il laghetto superiore con la Seehutte, baita privata, quindi chiusa.

Qui ci ricompattiamo, gli amici mi attendono per una breve sosta merenda, sono le 11:20.

Non si vede assolutamente nulla, le cime avvolte in tante nuvole, ma qualche sprazzo di sereno lascia ben sperare.

Ancora una volta sbagliamo percorso, anzicchè seguire in parte il sentiero verso N, che porta a Sufers, e poi sotto la cima sud il canale che la risale, aggiriamo il laghetto alto e risaliamo un mottone piuttosto impegnativo, a mezzogiorno raggiungo gli amici che mi attendono a Q2360.

C’e’ un’aria sconsolata, è già mezzogiorno, quattro ore che siamo in marcia, e non si vede un tubo. In più siamo fuori traccia ….

C’e’ chi ha fame e chi vuol fermarsi, “ha un nome questa cimetta qui?”

Con Paolo studiamo la traccia, siamo veramente fuori, ma intuiamo che traversando tra due roccioni possiamo raggiungere la “loro” traccia sotto la cima sud.

Si riparte, a maggioranza si decide di puntare alla cima.

La condizione della neve non è sempre delle migliori, sfondoni e buche sono sempre in aguato, ma salendo di quota la neve è più portante.

Paolo ed Angelo battono la pista, il Barba li segue un po’ sconsolato e soprattutto affamato, dietro il badante (Gimmy) ed il badato (io).

Con bel traverso arriviamo a vedere una bella cima, con un grande omone di sassi, la riconosco bene dalle foto (e soprattutto ricordando una escursione di ?,  scambiarono la cima sud da quella nord per scarsa visibilità).

Ma c’e’ una cosa che più di tutto ricarica gli animi, le nuvole si spostano in basso, lasciando spazio ad un sole stupendo, una giornata da urlo, e panorami indimenticabili.

Sono abbastanza stanco, ma non morto … mi accontenterei della cima Sud per oggi.

Ma il mio badante arriva sotto l’omettone e lo sento gridare verso gli altri … è chiaro che non hanno avuto la stessa idea e hanno proseguito verso la cima N, quella vera.

Mentalmente … una fila di vaffa … ma nel cuore sono quasi contento

Dalla cima S 2542mt alla cima N 2561mt, ci sono 15min circa di cammino, si scende e si risale.

Arrivo in “riserva” alle 13:15, i classici 20m dopo il primo gruppo, vorrei esprimere la fila di vaffa… che trattenevo, ma il fiato non me lo consente, ma più di tutto sono felice e molto-molto orgoglioso.

Il Barba mi attende con molta … troppa trepidazione, ansioso per il mio arrivo, ma non per la paura che non sia capace, ma perché ho il cavatappi nello zaino e senza quello … manca il nettare.

Non mi frega dei tempi, non importa se sono arrivato due ore dopo “le ferrari di montagna” (come direbbe qualcuno …), mi importa di essere qui e di esserci arrivato con le mie energie.

Avvisato casa che stassera si farà più tardi del solito, ci mettiamo a pranzare, molto stanchi ma felici ed ebri di una vista e dei panorami che le foto vi assicurano non rendono proprio.



Un' idea che frulla in testa da anni ..........................


 

Angelo ha portato torta e spumante, ha mancato i festeggiamenti dei 10 anni della Girovagando, e paga pegno. Torta ottima e grande spumante secco … bottiglie vuote, compreso il Barbera del Barba.

Poco prima delle 14:30 foto ricordo di una giornata indimenticabile, e via si scende.

Per non inventarsi nulla, scegliamo di ripercorrere lo stesso percorso, la consistenza della neve è decisamente peggiorata, il caldo smolla tutto e gli sfondoni sono frequenti.

Ma scendiamo come dei velocisti, arriviamo alla SeeHutte alle 15:15 dove abbiamo deciso di fare pausa-caffè e grappa.

Ci fermiamo per una bella mezz’ora, è troppo bello per andarsene, ma purtroppo la via del ritorno è ancora lunga.

Scendiamo fino alla palina a Q2066 sempre seguendo le tracce dell’ andata, qualche breve taglione.

Dalla palina scendiamo in neve fresca praticamente in linea retta, bellissimo e la neve tiene …

Nel bosco riprendiamo le nostre tracce, a Q1700 cerchiamo il sentiero giusto che seguiamo fino alla strada in basso, dove togliamo le ciaspole e dove ci rendiamo conto dell’ errore della mattina.

Arriviamo al parcheggio alle 17:10, siamo tutti molto-molto contenti, una ciaspolata epica, una delle migliori del gruppo e poi … 1100 di assoluto, 1200 di relativo e 14km con le ciaspole …. Non è roba di tutti i giorni.

Penso proprio che questa bella uscita con le ciaspole resterà ben impressa nei nostri ricordi.

Alla prossima !

Giorgio


 

 
 
   
 

           Vista da Paolo   -    (brown)                        


Bella ,impegnativa, tutta da scoprire e alla fine abbonamento per 10 vaffa..... da utilizzare a piacere.
Con ordine:
Bella ,perché siamo passati da visibilita' scarsa alla magnifica sorpresa di una giornata bianca e blu memorabile.
Impegnativa, la salita e' lunga e se poi ci aggiungiamo le varianti in corso d'opera e' stato un bel divertimento.
Tutta da scoprire, pensavamo di trovare la pista battuta da sciatori invece solo la neve di due giorni prima con poche segnalazioni .  
Quindi grazie gps!!
Solo tante impronte di animali e parecchi avvistamenti :
un capriolo alla partenza ,un bel volo di pernici bianche , un camoscio in vetta e per finire un'aquila .
Abbonamento 10 vaffa..... per averlo gratis bisogna fare tanta fatica e possibilmente stare davanti al gruppo, quando tutti pensano di essere arrivati urlare da lontano che la cima non e' quella .
Ovviamente bisogna avere in ostaggio spumante e dolce !!!   
La montagna ,quella vera, non deve essere gara con nessuno.
Per me e' solo una prova con me stesso il resto deve essere una giornata dove fare il pieno di nuove esperienze da custodire gelosamente, perché le foto sono belle,sono testimonianza e sono un bel ricordo, ma le emozioni e la fatica sono un'altra cosa, ognuno le vive a modo suo e vanno per forza provate sulla propria pelle.
Tutto questo da vivere sempre in buona compagnia di amici.
Grazie a tutti
Paolo   

 

 
 
   
 

            Vista da Luciano   -    (barba43)
 

 

La più grande ciaspolata fatta in vita mia.
Checchè se ne scriva,  dopo circa 8 ore con le ciaspole ai piedi e per 14 Km,  alla mia età posso fregiarmene anch’ io.

Grande intuizione di Giorgio, che in settimana ci aveva proposto 5 escursioni, a cui dovevamo scegliere, io mi sono proposto questa, ed anche Paolo era d'accordo, così anche Giorgio a acconsentito.
Come già rammentato, dopo il tunnel del Bernardino e vedendo la nebbia, ho pensato che sarà una giornata di sfiga, ed invece dopo un paio d'ore di cammino, apriti Sesamo, un sereno con un sole spaccasassi.
Paolo come sempre il più giovane e leggero, batteva la pista, Angelo ed io a ruota, con ogni tanto qualche sosta, anche per ricompattarci, poi l'ultimo strappo e siamo ripartiti fino alla vetta.
Una favolosa Meraviglia di vette innevate all'inverosimile, con neve più che candida, praticamente a 360 gradi.
Stupenda vista, da foto da cartolina, poi arrivato Giorgio, avevo una gran sete, e fame e così ci siamo messi a pranzare, certo si un pò tardi per la mia abitudine.
Terminato di pranzare, foto a gogo, abbiamo brindato alla vetta con un Brut, ed una torta-sbrisolona da urlo, così che il caffè abbiamo deciso di berlo un pò più giù, al baitello del Lago

Dopo la pausa al bar … siamo ripartiti per il rientro all'auto.

Favolosaaaaaaaaaaa

ciao a tutti belli e brutti


 
 
 
   
 

              Vista da Gimmy-    (gimmy)
 

 

Tema del giorno: una bella e impegnativa ciaspolata


La giornata meteorologicamente promette bene, peccato che dopo il tunnel del San Bernardino, sembra inverno pieno, nebbia, cielo cupo ed anche qualche leggero fiocco di neve
parcheggiamo, pronti via si parte e subito sbagliamo tracciato facendo un fuori pista wild, una volta ripreso il sentiero, tutto il pezzo fatto nel bosco  non essendo pistato e trovando ogni tanto quache raro bollo, era difficile da seguire senza traccia gps, che Paolo apripista aveva a portata di mano.
 usciti dal tratto boschivo e fino alla baita a quota 2060 ,i bolli sulle rocce erano ben visibili e frequenti
Poi cambio di tempo: sole cielo limpido e terso e allora via verso la cima, arrivati in cima stanchi e soddisfatti, spettacolo da cartolina, con proprio di fronte a noi il Tambò, che è una delle mete che ci siamo riproposti di fare.
Dopo aver mangiato, foto di cima, e  ritorno alla macchina. 

Alla baita, ci siamo fermati una quindicina di minuti per pausa caffè, grappa quattro chiacchere
Verso le cinque  siamo arrivati al parcheggio, una mezzora prima del tempo che avevamo preventivato, stanchi ma soddisfatti per la grande ciaspolata  
grazie agli amici per la bella giornata


ciao alla prossima
Gimmy

 

 
 
     
 
RIASSUNTO del PERCORSO
Percorso Totale : 13,9 Km totali, 9h:00m totali, 3:30m di cammino
Andata : 7,3 Km, 5:10 lorde, 60m soste
Ritorno : 6,6 Km, 2:40 lorde, 30m soste
Dislivello : 1080 mt di assoluto , 1200mt di relativo
Libro di vetta: NO
Copertura cellulare: Buona sul percorso
Partecipanti :

Giorgio, Paolo, Gimmy, Barba, Angelo

 
 
   
   

Altre foto, diario, tracce sul nostro sito     

www.girovagando.net        escursione # 176

  

 

 
 



Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

WT3
19 Mar 16
Mittaghorn(2561m) · Max64
PD
T2 WT3
PD
16 Feb 18
Klebrige Masse am Mittaghorn · Zoraya
WT3
30 Mar 19
Mittaghorn (2561) · beppe

Comments (24)


Post a comment

Max64 says:
Sent 12 April 2016, 09h08
Bravi GRANDI ad aver tenuto duro.
Siete stati ripagati.
ciao
Max

Sent 13 April 2016, 08h12
Ciao Max qualche dubbio ci era venuto. non si vedeva nulla e avevamo sbagliato la traccia. Poi si e' rasserenato e tutto e' stato piu' chiaro.
Grazie a presto Paolo

Amedeo says:
Sent 12 April 2016, 09h36
Bravi, buone escursioni.
Amedeo

Sent 12 April 2016, 09h45
Ciao Amedeo, un caloroso abbraccio !

Sent 12 April 2016, 11h15
Ciao Amedeo, grazie tante
Luciano

Sent 13 April 2016, 08h12
Ciao Amedeo a presto!
Paolo

beppe says: BRAVISSIMI
Sent 12 April 2016, 10h30
Un caro saluto
Beppe

Barba43 (Girovagando) says: RE:BRAVISSIMI
Sent 12 April 2016, 11h14
Grazie Beppe, avanti un'altra
ciao Luciano

danicomo says:
Sent 12 April 2016, 11h10
Bravo Giorgio.... e bravi tutti.
Daniele

Sent 12 April 2016, 11h17
Grazie Dani
ciao Luciano

zar says:
Sent 12 April 2016, 11h13
...ebbè...mica pizza e fichi!!!
Super!!!!!!!!!!!!!!!!
Bravissimi
Un abbraccio...
Luca

Sent 12 April 2016, 11h18
Detto da tè Luca mi onora grazie
ciao Luciano

Sent 13 April 2016, 08h07
Pizza e fichi o ma qualcosina da magiare lo portiamo sempre. A presto grazie Luca

Daniele66 says:
Sent 12 April 2016, 12h52
Bravi bella uscita notevole dislivello e sviluppo. Complimenti a tutti Daniele66

Francesco says:
Sent 12 April 2016, 14h31
...Urcaaaa, solo ora mi accorgo della Vs. relazione.....ma bravi....anche qsè nel sacco !!!
Bravissimo Giorgio..e anche tutti gli altri per averlo sopportato e supportato con il nettare !!!
Ciao Bagai !!!

Sent 13 April 2016, 08h10
Nel sacco ci sono anche tanti ricordi tanta neve e una quantità di risate che strabordano.
Grazie a presto Paolo

cristina says:
Sent 12 April 2016, 15h14
Complimenti a tutti...in queste occasione fa più la testa e la voglia di arrivare che il fisico!!!!

Ciao ciao. Cri

Sent 13 April 2016, 08h05
Quando inizi con gli errori e sbagli poi i tempi , solo una ragionata valutazione ti può dare la forza di concludere .Il branco ha fatto tanto però! ! Se fissi stato da solo avrei forse rinunciato.A presto Paolo

Menek says:
Sent 12 April 2016, 21h29
Si vede dai vostri sorrisi che è stata una giornatona! Bravi!!!

Sent 13 April 2016, 08h06
Ci hai visto giusto , una bella esperienza. Grazie a presto Paolo

cappef says:
Sent 13 April 2016, 21h29
bravi, mai mollare e come sempre detto: Siete GRANDI !!!
Ciao...Flavio

Sent 14 April 2016, 07h52
Grazie Flavio, troppo buono
ciao Luciano

gbal says:
Sent 14 April 2016, 18h26
Complimenti a tutti; a chi è arrivato prima, a chi dopo, a chi è arrivato giovane e a chi è arrivato un po' meno giovane.
Tutti radunati alla fine davanti al desco, alle bottiglie e.....all'essenziale cavatappi.
Ciao

Sent 15 April 2016, 07h58
Giulio, ai ragione, ero alzato dalle 5 figurati a pranzare alle 13,
e bere solo acqua,sentivo lo stomaco che borbottava ah..ah..
ciao Luciano


Post a comment»