CIMA DI PIAZZO E SODADURA.... IN VERSIONE NATAL-ESTIVA!!!


Publiziert von Ricky e Lalla , 2. Januar 2016 um 16:59.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:30 Dezember 2015
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 1 Tage
Aufstieg: 870 m
Abstieg: 870 m
Strecke:Dall'arrivo della funivia dei Piani di Artavaggio passando per il Rifugio SassiCastelli, Nicola e Cazzaniga fino alla Cima Piazzo, Ritorno al Rifugio Nicola per Pranzo e salita dal versante nord-est del Sodadura; discesa dal versante opposto e rientro alla Funivia passando dall'Ex Albergo Sciatori.
Zufahrt zum Ausgangspunkt:In auto fino a Moggio, al Parcheggio della Funivia si lascia l'auto e si prosegue a piedi su comodo sentiero o, in alternativa, per evitare gli 800 mt di dislivello per raggiungere l'Altopiano, si prende la comoda funivia.
Unterkunftmöglichkeiten:In quota Rifugio Sassi Castelli, Albergo della Luna, Rifugio Nicola, Rifugio Cazzaniga. A Moggio vari alberghi.

Ricky ed io, abbiamo iniziato il 2015 con una classica al Sodadura sotto la neve…. tanta neve…. tanta che  si vedeva solo la parte sommitale della croce di vetta….. e quindi perché non concludere in bellezza portandoci questa volta tutti i nostri “piccoli e grandi”  alpini??

 

Sono proprio loro a sfidarci….. vogliono fare anche la Cima di Piazzo e mangiare al Rifugio…. anche Anna si aggrega a darci manforte.

 

Si parte… per quella che hanno soprannominato la Versione "Natal-Estiva" della nostra avventura di inizio anno... considerato che di neve non c'è nemmeno l'ombra!

Eccoci  alla funivia che da Moggio ci fa rapidamente guadagnare gli 800 metri di dislivello che portano all’Altopiano… e da li in men che non si dica i quattro scatenati arrivano al Rifugio Nicola e poi via verso il Cazzaniga ed in quattro e quattr'otto siamo sulla Cima di Piazzo.

E’ la prima volta che vediamo l’altopiano così brullo e senza neve… devo dire che fa una certa impressione pensando che è il 30 dicembre… 

Una piacevole sosta in vetta, dove tra l’altro non c’è assolutamente vento, per fare tante foto alle numerose cime che si possono ammirare (oggi si vede fino al Gran Zebrù!!!) e poi via…. al Rifugio Nicola per il pranzo.

 

Ma i nostri  giovani non sono assolutamente sazi di montagna e così senza troppo tergiversare, subito dopo averci fatto trangugiare il caffè -di cui noi “vecchietti” abbiamo bisogno per ripigliarci dai cibi grassi e dal vino- ripartono a tutta birra per il Sodadura.

Salita dal versante nord-est e discesa dal “divertente” versante sud-ovest… insomma una vera e propria traversata…

 

Una bella giornata, un “anello” molto panoramico e attrattivo… una esperienza proprio come va di moda ora sugli 8.000… il concatenamento di più cime.. perché a questi giovani…. assetati di adrenalina… il farne una non basta più!!!!

Anche noi non disdegnamo assolutamente di accompagnarli.... ci sentiamo "Pimpanti" per aver rifatto il nostro K2 del Lecchese!!!


Tourengänger: Ricky e Lalla


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»