Manòs, Carzèn e Vesta... controllate le mie gesta!


Publiziert von Menek , 20. Oktober 2015 um 22:42. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:17 Oktober 2015
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 4:30
Aufstieg: 706 m
Abstieg: 722 m
Strecke:Giro a doppio aquilone di km 14,500
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Brescia- Treviso Bresciano- Rifugio Cavallino
Kartennummer:Kompass Tre Valli Bresciane-

Non fatevi ingannare dal titolo altisonante, è solo una “banfata” da quattro soldi, invece tenete conto di sta cosa: oltre alle cartine Kompass posso annoverare il sito 3bmeteo tra le cose per cui vale la pena di smadonnare  stile Lando Buzzanca, certo, uno potrebbe dirmi che io sono un bestemmiatore a prescindere, vero, ma giuro che io almeno ho una  Laurea Vera in Bestemmiologia… altro che quel sindaco  di Treviglio  che insegnava senza aver preso la Laurea!        
 

Sembrerò noioso e ripetitivo a prendermela con il 3b e d’altronde qualcuno mi potrebbe invitare a guardare qualche altro sito più o meno farlocco, ma l’ho già detto in passato, sono un’inguaribile ottimista e pure fiducioso… Faccio bene oppure  sono uno stronzo?
 

Fatta la premessa ora mi fiondo a capofitto sulla relazione di sto giro…
 

 La mattina è fresca ma il tempo sembra volgere al bello, puntiamo verso il Lago d’Idro dove le previsioni danno tempo bello, e manco a farlo apposta una volta giunti in Val Sabbia, nuvole basse e visibilità ridotta. Merda!
 

Governati comunque dall’entusiasmo, arriviamo al Rifugio Cavallino dove lasciamo l’auto per incamminarci sulla bella sterrata che ci porta in Loc. Cocca Veglie, la oltrepassiamo e viriamo a sinistra laddove la strada diventa un ampio spazio, e sempre in moderata pendenza proseguiamo il nostro cammino.
 

Ad un certo punto, sulla sinistra si stacca un bel sentiero che va a tagliare un pendio erboso, passiamo dai Fortini di Manòs e seguendo il sentiero che prosegue a destra, in pochi minuti siamo sulla nostra prima meta della giornata. Bello, proprio bello… non si vede un cazzo di niente! Peccato…
 

Demoralizzati? Per nulla… si riparte alla “conquista” della seconda meta: la Cima Carzèn.
 

Seguendo il piccolo sentiero, scendiamo dalla sponda est del Manòs in maniera ripida ma senza pericoli di sorta, oltrepassiamo la Coca Manòs, poi, per evitare un paio di roccoli occupati da sparatori incalliti, seguiamo a sinistra la sterrata che scende in leggera pendenza. Ferma cumpà, qua stiamo andando per mari sconosciuti… retromarcia sino  alla sbarra dove c’è  segnalato proprietà privata, e via su verso la Cima Carzèn mostrando così la nostra impavidità nell’affrontare gli imbracciatori di "doppiette".  


Breve strappo su ripido pendio ed eccoci finalmente sul Carzèn dove brevi occhiate di Sole ci irradiano di calore… finalmente un po’ di panorama!

 

Pranzo veloce e via di nuovo per altri lidi, che dire lidi in montagna fa anche un po’ cacare. Dopo un breve consulto tra me e Pino, decidiamo di scendere al Passo di Vesta ed imboccare poi il sentiero 471 che ci riporterà in Coca Manòs.

 

Anche da Carzèn si scende per ripidi prati, si raggiunge il vicino passo e qua gioco il Jolly: Pino siamo già al Passo, perché non saliamo al Vesta che è a 5 minuti di salita? Lui: sei sicuro Dome? Occhio al tuo fisico… Io: dai, dai, saliamo… Imboccata la traccia di sentiero che sale dirimpetto al Carzèn, in pochi minuti siamo  su al Vesta con mia grande gioia… questa cima non era prevista e salirci mi ha caricato moralmente.
 

Breve serie di foto e via di nuovo, la strada per il ritorno è ancora lunghina e devo tornare a casa per un orario decente visto che ho un’impegno culinario per l’ora di cena.

 

Al Passo di Vesta prendiamo il sentiero che taglia le pendici del Carzèn (471), sbuchiamo nei pressi dei roccoli oltrepassati all’andata e via per la Coca Manòs, da qua su bella  strada sterrata, ci riportiamo in prossimità dello svincolo per il Monte Manòs che  ignoriamo per logica, e proseguendo per la strada fatta all’andata ritorniamo con una certa sicumera alla nostra auto. The end.
 

 

Nota1): Bel giro nella Val di Vesta dove per una serie di motivi i luoghi sono poco battuti dalla massa escursionistica, l’unico problema evidente  è la segnaletica e bollatura quasi inesistente. Se avete la fortuna di beccare una bella giornata godrete dei  bei panorami sottostanti e non avrete problemi nel navigare  a vista, se invece le nuvole impediscono la visuale, allora prestate un minimo di attenzione e fate appello al vostro senso di orientamento. Possibili “aperture” sui laghi di Garda e d’Idro.
Grazie per la compagnia Pino.

 

 


Nota 2) Cose a caso…

Ci sono le nuvole o splende il Sole e fa bel tempo? Fate voi, ma intanto diamo uno sguardo... verso il Cielo! :https://www.youtube.com/watch?v=D3Y0ofxcz7o



Nota 3): Le sterrate calpestate sono belle, gli dedichiamo una poesia Eric? Thanks…
 
                                                                                          TRATTURO.

Le nuvole son basse e cammino nell’oscuro,
 sperando  di evitare le belve con l’enduro,
mi sento un po’ agitato e viaggio di bromuro.

Tratturo,

il passo è bello teso e picchio sul tamburo,
se chino un po’ la schiena  l’altezza è di paguro,
ma Pino lì davanti rilascia del solfuro.

Tratturo,

l’andazzo  si fa  tranqui e si viaggia sul  sicuro,
la regola d’ingaggio è in stile Palinuro,
ma è facile sbagliarsi  e adesso m’avventuro.

Se salto in lungo e in largo mi sembro un bel Canguro e in fondo mi domando: che minchia di Tratturo?
 

A la Prochaine!            Menek und Olmo.
 

Tourengänger: pizzo1954, Menek


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T2
7 Mai 16
Monte Manos 1517 m · cristina
T2
T3+
17 Jun 17
Valle di Vesta da Capovalle · Persebear

Kommentare (22)


Kommentar hinzufügen

Amadeus hat gesagt:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 06:59
Bravi, specialmente il giro a doppio aquilone; solo Menek poteva inventarselo.....

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 09:42
Ciao Alex... con gli aquiloni si vola alto... se poi è doppio, meglio no? Au revoir.
Menek

GIBI hat gesagt:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 08:43
Bravo Domenico,
sei sempre capace di inventarti cose e percorsi nuovi ...

... peccato per la scarsa bollatura che proprio quando c'è nebbia ci accorgiamo quanto sia invece importante !

ciao Giorgio

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 09:47
Un complimento dal GIBI non è poca cosa. Grazie.
Per quanto riguarda la bollatura, non mi resta che sottolineare la sua importanza, soprattutto con il tempo bigio. Peccato questa mal gestione, la prossima volta che rifaccio quel giro porto da casa una bomboletta e faccio i bolli rossi. Darò il mio contributo... :)))
Menek

GAQA hat gesagt:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 12:00
Bei colori di stagione...bravi Dome e il grande Olmo...
Alessandro

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 19:20
I contrasti che si vedono in questo periodo sono unici! Ciao Ale!
Menek

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 13:37
Ogni volta che vai da quelle parti trovi grigio, e che cavolo... :) Ma l'importante è camminare, quindi va bene lo stesso. :)

Ciao Dome

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 19:21
Ancora una volta sono d'accordo con te! :))) Ciao Emi.
Menek

cristina hat gesagt:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 14:46
Qualche accidente a 3Bmeteo lo abbiamo tirato anche noi...ma che vuoi farci, a Introbio c'era un misero solino, più in su nada!!!!!

Ciaooooooo

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 19:24
:))) E' meglio che ce la ridiamo va... :)))
Birubiru
Menek

Angelo & Ele hat gesagt:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 16:08
BRAVO Domenico!

L' inaspettato e non previsto Monte Vesta è stato il segnale che stai ritornando alla grande...

Ogni cima è un desiderio e ogni desiderio realizzato una rinascita...

Cari saluti... :-)

Angelo

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 19:22
Grazie per le belle ed incoraggianti parole... vorrà dire che verrò a trovarvi! :) E' una minaccia...
Menek

patripoli hat gesagt:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 16:38
Il Monte Vesta da tutt'altro versante!
Lo so che mi sarebbe piaciuto.....

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 19:22
Si ti sarebbe piaciuto di sicuro Pat!
Menek

danicomo hat gesagt:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 18:41
Bello il tuo tatone che fa dressage.....!!!

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 19:22
Ha copiato da me! :)))
Menek

danicomo hat gesagt: RE:
Gesendet am 22. Oktober 2015 um 13:53
Scusa, ma lui ha un'altra grazia....

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 22. Oktober 2015 um 19:34
Osti... grazie Doc!!! :)

Daniele66 hat gesagt:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 20:58
Osti dai nomi delle localita' pensavo che eri in Grecia.........Bella li Dome.............Daniele66

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 21:00
Si anche qua mi sa che ci vuole la carta europea... :))) Grande Dan

veget hat gesagt:
Gesendet am 21. Oktober 2015 um 21:29
Ciao Domenico, anche in presenza di giornate "così ,così"
sai sempre trasmettere, allegria e serenità...
Complimenti a Te e Pizzo 1954
Eu

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 22. Oktober 2015 um 10:06
Grazie Eu, il tempo bigio non può fermare la voglia di andare x monti... grazie dei comply!
Menek


Kommentar hinzufügen»