Jothuneimen - giorno 1


Publiziert von dodiesis , 30. September 2015 um 01:00.

Region: Welt » Norwegen
Tour Datum:19 August 2015
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: N 
Zeitbedarf: 4:00
Aufstieg: 1500 m
Abstieg: 1500 m

Dopo essere sopravvissuti alla A7, cantieri e incolonnamenti uno in fila all'altro lungo la spina dorsale della Germania, dopo essere saliti due minuti prima che la nave salpasse da Kiel diretta a Oslo, dopo esserci difesi al meglio dal costo della vita proibitivo della capitale norvegese, abbiamo piantiamo la nostra tendina a Spiterstulen. Siamo alle porte del parco nazionale dello Jothuneimen, la catena montuosa con le montagne più alte della penisola scandinava. Spiterstulen è un insieme di lodge che circondano un grande rifugio nella valle del fiume Visa. Per noi dormire e mangiare qui è fuori budget ma con 50 € piazziamo la nostra tendina per due notti, parcheggiamo l'auto per cinque giorni e paghiamo il pedaggio della strada che si stacca dalla statale 55 e giunge fin quassù. E' qui che inizia la nostra avventura norvegese, il nostro trekking di cinque giorni tra la meravigliosa natura di queste terre.

Spiterstulen è un piccolo campo base alle pendici del Galdhøpiggen, la montagna più alta della Scandinavia. Non lontano dalle tende c'è un casottello dove si può cucinare e mangiare al riparo dal vento gelido, fare una doccia appena tiepida e gli umani bisogni. Ci facciamo spazio tra un folto gruppo di ragazzi fiamminghi e un gruppetto di norvegesi, scaldiamo la nostra busta di riso ai funghi e verso le dieci ci infiliamo in tenda. Il sole è tramontato da poco e c'è una luce che potrebbero essere le dieci del mattino. Fa freddo.

Fa freddo. Uscire dalla tenda al mattino è da coraggiosi. E noi lo siamo!?! Fa molto freddo ma siamo fortunati perché in cielo non c'è nemmeno una nuvoletta. Tutti a dirci vedrete, vedrete quanta acqua vi pigliate in Norvegia. E invece guarda qui che cielo azzurro. Fortunati!!!

Colazione, zaino leggero e ci facciamo i 1500 metri di dislivello che salgono il fianco orientale della montagna. Nessuna difficoltà da segnalare, se non l'impegno fisico e i molti nevai ancora presenti sul percorso.

Intorno ai 2.000 metri ci si spalancano scenari da continente antartico. Immense distese di ghiaccio e neve e sparute cime all'orizzonte. Tutto stupendo ed emozionante.

La montagna è piuttosto frequentata, soprattutto da norvegesi, ma le occasioni di scambiare due parole con questa gente sono rare. Cordiali ma riservati. Anzi di ghiaccio.

Torniamo a Spiterstulen, stanchi e soddisfatti e col pensiero rivolto alle fatiche che ci aspettano nei prossimi giorni.


Tourengänger: dodiesis


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (5)


Kommentar hinzufügen

Amadeus hat gesagt:
Gesendet am 30. September 2015 um 17:15
Bel giro, la Norvegia è una delle mete del grande Nord per me, chissa se riuscirò.....

dodiesis hat gesagt: RE:
Gesendet am 30. September 2015 um 23:52
ne vale la fatica, fisica ed economica... parola
se un giorno ti capita di organizzare magari potrei darti qualche dritta.. ;)

Amadeus hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Oktober 2015 um 09:37
Ne terrò conto.

patripoli hat gesagt:
Gesendet am 30. September 2015 um 19:42
Ecco dove eravate in vacanza.....!!!!
Bellissima, anche se fredda e costosa la Norvegia.....e di grande soddisfazione la cima che avete salito.
Chissà se siete andati anche alle Lofoten....
Resto in attesa delle prossime puntate

dodiesis hat gesagt: RE:
Gesendet am 30. September 2015 um 23:55
niente Lofoten... siamo stai più a sud!!!
Norvegia davvero bella, davvero fredda e davvero costosa!!!


Kommentar hinzufügen»