Vandali sulle montagne del Ticino, danni a rifugi e strutture


Publiziert von Francesco, 13. Mai 2014 um 23:03. Diese Seite wurde 672 mal angezeigt.

 

|
Capanna Alpe Salei -foto d'archivio- (Photo Falk Lademann courtesy of Wikimedia Commons/Flickr)

Capanna Alpe Salei -foto d’archivio- (Photo Falk Lademann courtesy of Wikimedia Commons/Flickr)

ONSERNONE, Svizzera — É emersa solo pochi giorni fa la notizia di atti vandalici sulle montagne del Ticino. Alcuni ignoti hanno devastato lo scorso mese la Capanna Alpe Salei (1777 metri) e altri edifici vicini, includendo nella razzia persino un piccolo impianto di rilevamento meteorologico. I danni ammonterebbero a svariate migliaia di franchi.

Secondo i quotidiani svizzeri, i fatti risalirebbero alla metà di aprile, ma sono stati resi noti solo negli ultimi giorni. Il guardiano della Capanna Alpe Salei, rifugio del Ticino Occidentale situato a 1777 metri nella Valle Onsernone, era salito in quota per effettuare dei lavori in vista della riapertura primaverile.

Quando è giunto sul posto, il guardiano si è ritrovato davanti alla Capanna completamente devastata: la porta d’entrata era sfondata; i mobili erano stati completamente svuotati e gli utensili al loro interno erano stati gettati a terra, molti dei quali rotti o resi inutilizzabili; le porte interne erano state forzate per trafugare i pochi soldi lasciati in loco, nonchè alcolici e utensili di valore conservati nel magazzino.

Situazioni simili si sono verificati negli edifici vicini. Sono stati devastati lo stabile dell’alpeggio e il rifugio dei cacciatori. Nel piccolo impianto della stazione di rilevamento meteo, i vandali hanno cercato di asportare il pannello solare che alimenta la centralina di monitoraggio, mentre nella stazione di arrivo della funivia Zott-Salei è stata forzata solo la porta d’accesso, senza alcun danno all’interno.

Denuncia contro ignoti è stata sporta dal Patriziato di Comologno, proprietario dei rifugi, e dal Patriziato Generale d’Onsernone, possessore dell’impianto via fune.




Kommentare (17)


Kommentar hinzufügen

Amedeo hat gesagt:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 07:07
I cretini e i vandali ormai sono diffusi ovunque. Penso che sia il primo caso di atti vandalici alla Capanna Salei. Sono transitato diverse volte dalla bella Capanna Salei facendo il giro Comologno-Spruga, a volte anche con le ciaspole, passando dal Lago di Salei. La realizzazione si impianti a fune per portare più gente in montagna in luoghi non presidiati hanno queste contoinidicazioni che non si risolvono con la posa di telecamere ma con l'educazione e con sanzioni non solo pecuniarie ma anche con l'obbligo per i condannati di svolgere lavori socialmente utili nei giorni lavorativi, ad esempio partecipare alla pulizia dei sentieri o alla sistemazione dei rifugi alpini (di certo non come è stato deciso in modo vergognoso e ridicolo per Berlusconi). Così si otterranno due risultati, la "rieducazione" e il miglioramento delle lora capacità lavorative manuali.

ivanbutti hat gesagt:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 07:33
Che tristezza leggere cose come questa. Penso che per tutti noi che ben conosciamo ed apprezziamo le capanne del Ticino, e non solo, sia davvero una brutta notizia.

zar hat gesagt:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 08:32
...per quanto ci si ritenga maggiormente evoluti, ciò che è accaduto in un lontano passato, è sovrapponibile alla realtà attuale.
Infatti la decadenza di un famoso Impero ("de noialtri") iniziò proprio quando fu messo in discussione un codice morale rigido, ma efficace, maturato sull'esperienza degli antenati. Una civiltà che non discende dalla propria memoria storica non può avere futuro...
Oggi sta accadendo qualcosa di simile, poiché una visione lassista ed edonistica della vita sta prendendo il posto dei valori morali (laici o religiosi che siano) che ci hanno guidato per secoli, sia pur tra mille contraddizioni.
Oggi siamo abituati ad agire troppo liberamente e, quando una società perde i riferimenti etici, smarrisce anche la propria identità e diviene facile preda di chi, infinitamente più forte, vuole sottometterla. I "barbari" vinsero perché avevano, sia pure nella loro rudezza e per quanto distorti nel loro agire, un chiaro sistema etico che altri, molto più "evoluti" per altri aspetti, avevano purtroppo smarrito...
Ciaooooo
Luca

froloccone hat gesagt: RE:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 20:09
Descrizione perfetta della società di oggi!!!!!

gonzo hat gesagt:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 08:52
che dire, i soliti idioti

giorgio59m hat gesagt:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 12:16
E' deprimente leggere cose come queste, già successe per altre capanne.
Non si riesce proprio a capire che gusto si trovi a distruggere piccoli e splendidi angoli come questo e altri.
Che amarezza ...

lrdg hat gesagt: Solidarietà capanna Salei
Gesendet am 14. Mai 2014 um 12:52
Sono furioso per questo ennesimo atto brutale alle capanne ticinesi.
2 anni fa hanno svaligiato la capanna Foish.
Non è stupidità ma IDIOZIA allo stato puro.
Quest'anno appena apriranno la capanna e la funivia TUTTI al Salei per Solidarietà.
E si potrebbe anche aggiungere una piccola tassa per aiutare alle spese di ristrutturazione.

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 13:55
Era già successo anche alla Mognone qualche mese fa', se ricordo bene...
Che dire? Calo dei valori etici e morali, forse sì, ma non solo... la colpa è anche delle politiche suicide utilizzate da ogni nazione europea (di area UE o meno... la cosa è ormai diffusa), e probabilmente centra anche l'immigrazione selvaggia.
In Italia queste cose accadono da moltissimi anni, e non a caso tutte le capanne senza gestore son chiuse a chiavi... ma sfondiamo una porta aperta.

Gli svizzeri dovrebbero evitare, per il LORO bene, di imitarci, restando loro stessi e rispettando i propri padri. In fondo Voi svizzeri siete gli ultimi baluardi della nostra civiltà, minata dalla politica interna oltrechè da popoli stranieri ed extra-continentali che intendono dissanguarci.

Non mollate.

http://youtu.be/osNDoDN_vtc

Zaza hat gesagt: RE:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 15:08
Non credo che questi atti davvero infamanti erano operi di immigranti...ci sono dei maleducati anche nella popolaziona Svizzera nativa. Purtroppo!

ciao, zaza


roberto59 hat gesagt:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 15:20
Confermo al 100% quello che ha scritto Luca Zar.......sei un grande nei tuoi commenti, troppo permissivismo e buonismo..........ciao

Francesco hat gesagt:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 17:04
.Ignobile atto d'ignoranza,brutalità senza coscienza.
E' facile,molto facile agire con chi non è in grado di difendersi,al solo scopo di divertirsi, cercare adrenalina a basso costo dopo essersi sballati a costo zero.



peter86 hat gesagt:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 18:14
Imbecilli ed ignoranti, non trovo altre parole per definire gli autori di questi atti vandalici

micaela hat gesagt:
Gesendet am 14. Mai 2014 um 19:08
condivido l analisi di Luca Zar
la frequentazione delle montagne ci accomuna nelle qualità piu belle e profonde dell Uomo , lontano dalla brutalità , l ignoranza , l inciviltà
bella l idea di solidarietà TUTTI ALLA SALEI di Irdg !

igor hat gesagt: I soliti dementi.....
Gesendet am 14. Mai 2014 um 22:14
Di gente annoiata che non non saa cosa fare c'è n'è in giro parecchia piuttosto che vadano a farsi qualche vetta piuttosto che distruggere le capanne.......purtroppo di questi dementi e piena anche lugano e non solo.... C

numbers hat gesagt:
Gesendet am 16. Mai 2014 um 13:21
Condivido in pieno la bella analisi di LUCA Zar,
troppa libertà,
in assenza di regole e valori morali, etici o religiosi che siano,
porta all'anarchia e alla barbarie, ieri come oggi.


Mario


Gelöschter Kommentar

Poncione hat gesagt: RE:
Gesendet am 20. Mai 2014 um 23:38
Anche oggi che non si esaltano i valori e la libertà individuale trionfa vengono comunque eliminati fisicamente, con la violenza, le leggi, la miseria, milioni di persone... :/

Nulla è cambiato, in fondo... tranne la civiltà, che sprofonda sempre di più.


Kommentar hinzufügen»